Genoa-Milan, Prandelli: «Giocare alle 15 un errore e mancanza di rispetto»

© foto www.imagephotoagency.it

Prandelli in conferenza stampa afferma che Genoa-Milan sarebbe dovuta essere giocata alle 21 per rispetto dei tifosi e della città

Genoa-Milan ha già suscitato uno stuolo di polemiche prima ancora di essere giocata. La decisione da parte dell’Osservatorio per le manifestazioni sportive del Ministero dell’Interno di anticipare la partita dalle 21 alle 15 non è stata ben accolta praticamente da nessuno a partire dal Comune di Genova, il governatore della Liguria Giovanni Toti e i tifosi rossoblu, che non si presenteranno alla stadio proprio per protestare contro questa scelta. Oggi anche il tecnico del Grifone, Cesare Prandelli, si è unito al coro di chi avrebbe preferito giocare alla sera. «La decisione, sbagliata, di giocare lunedì alle 15 ha fatto sì che abbiano perso tutti. Non c’è stato rispetto per i 18mila abbonati. Per le scuole, i negozi, la gente che lavora e la città, in un periodo così particolare per le note vicende. Sono preoccupato…», ha detto Prandelli.

Il tecnico durante la conferenza stampa non si è poi sbilanciato sul possibile trasferimento di Piatek, che sembra ormai prossimo a vestire la maglia rossonera. I dirigenti del Milan e del Grifone si sono incontrati ieri per porre le basi dell’operazione. Per quanto riguarda la partita, i rossoneri dovranno fare a meno di Alessio Romagnoli, Frank Kessié e Davide Calabria e persino del tecnico Gennaro Gattuso perché squalificati ma in campo potremmo rivedere dal primo minuto Suso.

Articolo precedente
Tiago DjaloIl Milan ha praticamente chiuso per Tiago Djalò: la firma è prevista lunedì
Prossimo articolo
LeonardoBruno Viana: un nuovo obiettivo per la difesa del Milan