Gandini sul mercato del Milan: «I rossoneri non possono fare una rivoluzione da subito»

gandini milan roma san siro
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex rossonero Gandini sottolinea come il Milan non può fare una rivoluzione sul mercato senza aspettare la sentenza della UEFA

Ieri sera, nel post partita di Milan-Torino, il direttore generale Leonardo ha spento definitivamente i sogni dei tifosi annunciando che Zlatan Ibrahimovic non tornerà in Italia a gennaio. Il dirigente rossonero ha anche ammesso che le trattative per l’arrivo di Cesc Fabregas sono ancora in corso ma che non è stato provato ancora l’affondo definitivo. In sostanza Leonardo ha confermato che il Milan sta cercando di muoversi sul mercato con una certa oculatezza per evitare di sforare i paletti imposti dall’Uefa con il Fair Play Finanziario. Umberto Gandini, ex amministratore delegato della Roma il cui ritorno nel club di via Aldo Rossi è stato bloccato dall’arrivo di Ivan Gazidis, ha fatto la sua disanima sulla situazione del Milan per il mercato di gennaio durante la trasmissione Pressing in onda su Canale 5.

«Leonardo è stato molto chiaro, ha finalmente spiegato a tutti la situazione del Milan che non può fare una rivoluzione ma che dovrà procedere passo dopo passo in base ai vincoli che arriveranno dalla sentenza Uefa», ha detto Gandini. Il Diavolo non ha comunque rinunciato all’idea di rinfoltire l’attacco. Leonardo sta lavorando a diversi nomi e tra questi ci sarebbe anche quello di Fabio Quagliarella.