Milan, Leonardo: «Ibra non arriverà, stiamo valutando Fabregas»

leonardo milan inter difficoltà
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan pareggia con il Torino e fallisce l’occasione di allungare in classifica. Nel post partita Leonardo ha parlato di infortuni e soprattutto di mercato

Nel post partita di Milan-Torino ha parlato ai microfoni di Sky Sport Leonardo:

SULLA PARTITA – «Sicuramente non è un momento facile per gli infortuni. In difesa siamo pochi, ma Abate è stata una grande sorpresa. Oggi è stata una gara difficile e combattuta. Non abbiamo controllato la partita, ma abbiamo avuto le nostre occasioni. Ci sta considerando la situazione in cui siamo»

SU COSA SERVE PER LA CHAMPIONS – «Oggi siamo al quarto posto. Abbiamo sempre pensato dall’inizi. Se abbiamo tutti i giocatori possiamo competere tranquillamente per il quarto posto. Purtroppo il FPF, che è difficile da capire, ci impone di attendere prima di capire come agire sul mercato. I paletti dobbiamo rispettarli. Ci servono due innesti: a centrocampo e in attacco»

SU IBRA – «Ibra non arriverà. Lui aveva dato la sua parola ai Galaxy. Loro hanno soddisfatto le sue richieste e lui non arriverà. Sarebbe stato bellissimo, avrebbe dato un peso importante ma purtroppo non sarà possibile»

SULL’UEFA – «Paletti dell’Uefa vanno rispettati. Può essere che arrivi una sanzione economica e anche qualcos’altro. Oggi abbiamo un bilancio totalmente negativo e non dobbiamo scordarcelo. Sicuramente faremo qualcosa sul mercato, ma la crescita sarà lenta»

SU PAQUETA’ COME KAKA – «Sono momenti storici per il Milan completamente diversi. Paquetà è giocatore giovane, di qualità e può giocare in tutti i ruoli. Se recuperiamo tutti i giocatori abbiamo tante soluzioni. Bisogna inserire un centrocampista, che può completare le alternative. Bisogna aggiungere un po’ di esperienza»

SU FABREGAS – «Abbiamo valutato la possibilità, ma non a fondo. Stiamo aspettando indicazioni precise dalla società»

SU GATTUSO – «E’ normale che pubblicamente non entri nelle questioni di mercato. E’ una forma di rispetto nei confronti delle società. Rino lo conosciamo da 20 anni e sappiamo benissimo le sue qualità. E’ importante che sia chiara la nostra fiducia nei suoi confronti. E’ molto aperto e vincere con lui sarebbe formidabile. Non stiamo nascondendo nulla, siamo totalmente trasparenti».