Sampdoria-Milan: i rossoneri si sciolgono nei match decisivi

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Seconda occasione persa per il Milan di allungare sulle inseguitrici per il quarto posto. I rossoneri sembrano mancare di carattere quando serve davvero

Il Milan arriva a Marassi per la sfida contro la Sampdoria dopo la batosta nel derby ma con la consapevolezza che una vittoria sarebbe fondamentale per la corsa Champions, in quanto nello stesso turno si giocano Roma-Napoli e Inter-Lazio. La partita parte subito in salita per i rossoneri con il passaggio sbagliato di Donnarumma che porta al gol di Defrel dopo appena 30 secondi. L’errore del portiere potrebbe non essere casuale. Guarda caso quando si comincia a riparlare di rinnovo il numero 99 sembra perdere tutta quella sicurezza che lo ha sempre contraddistinto. La squadra di Gattuso soffre terribilmente il pressing alto degli avversari anche se nelle poche occasioni in cui riesce a superarlo è spesso pericolosa. I rossoneri sbagliano comunque moltissimo in fase di impostazione e per l’ennesima volta Piatek si trova solo a fare sportellate con i difensori blucerchiati ma con pochissimi palloni giocabili, se non qualche sporadico lancio facilmente letto dagli avversari. Molto dubbio comunque il tocco di mano di Andersen sul tentativo di inserimento in area di Bakayoko.

Il gol subito nel primo tempo fa riemergere tutte le difficoltà viste con l’Inter ben sottolineate da Gattuso nella conferenza stampa della vigilia. Il Milan fatica tremendamente a fare gioco con squadre che pressano alte e sembra un po’ sulle gambe, cosa tra l’altro già vista nello stesso periodo della stagione passata. I tentativi di inserire Cutrone e Paquetà e di giocare con la difesa a 3 per rimpolpare la zona offensiva non cambiano molto la situazione. Quello che più sorprende è la mancanza di incisività e aggressività dei rossoneri, quasi sempre in ritardo sul pallone e davvero troppo imprecisi quando si tratta di far girare il pallone. I rossoneri restano al quarto posto ma hanno letteralmente buttato il vantaggio sulle concorrenti e a breve ci saranno da affrontare Juventus e Lazio. Serve una svolta per raggiungere un obiettivo fondamentale per il futuro immediato del club.