Milan: la crisi del gol continua, Piatek può essere l’uomo della svolta

Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan da metà novembre ad oggi ha segnato meno di un gol a partita. Gattuso punta su Piatek per invertire il trend negativo

E’ un Milan a due facce quello visto in questa stagione. Il tecnico Gennaro Gattuso come sottolinea la Gazzetta dello Sport non sembra infatti ancor aver trovato il giusto equilibrio tra la fase difensiva e quella offensiva. Alla decima giornata i rossoneri avevano infatti il secondo attacco della Serie A ma erano solo 12esimi considerando la solidità della retroguardia. Oggi tutto si è capovolto. Il Milan è la quarta difesa del campionato ma soltanto il decimo attacco. Dividendo in due esatte metà le partite giocate attualmente (22), la squadra di Gattuso ha realizzato 21 gol nella prima parte e appena 8 nella seconda. La media gol è impietosa: meno di una marcatura ad incontro da metà novembre in avanti.

La crisi del gol passa molto dai piedi di Suso, che sebbene resti uno dei miglior assistman d’Europa al momento non trova né la porta né passaggi decisivi per i compagni. Lo spagnolo, che sta lavorando per il rinnovo, assicura di aver risolto il problema fisico che lo accompagna da prima della sosta natalizia e il Cagliari, squadra che il Milan affronterà stasera, solitamente è una squadra che gli porta molto bene. Questo, unito alle prestazioni deludenti di Gonzalo Higuain, hanno reso i rossoneri davvero poco pericolosi per gli avversari. La speranza è che Piatek possa dare nuova linfa all’attacco del Diavolo.