Elliott non vende il Milan: i Singer vogliono rendere il club il proprio “fiore all’occhiello”

Elliott
© foto Gordon Singer, proprietario del fondo Elliott

Elliott non vuole vendere il Milan: la famiglia Singer è convinta di poter riportare il Milan tra i primi 5 club al mondo

La creazione di una nuova nomenclatura dirigenziale, gli investimenti ingenti fatti per potenziare il patrimonio tecnico e la costruzione del nuovo impianto di gioco entro il 2023 testimoniano una volontà ben precisa di Elliott: rendere il Milan per tasso tecnico e fatturato uno dei principali Top Club al mondo. Stando a quanto riportato da Il Sole 24 Ore inoltre il fondo di Paul Singer non ha nessuna intenzione di vendere il club rossonero a meno che non arrivi un’offerta davvero irrinunciabile. La valutazione della società di via Aldo Rossi per l’hedge found, con progetto stadio annesso, è di circa 900 milioni di euro. Una cifra che ora come non sembra d’attualità.

Chiaro che l’eventuale ritorno del club in pianta stabile in Champions e la competitività che la squadra dimostrerà di avere in futuro nel principale torneo continentale sarà elemento fondamentale per attrarre nuovi investitori. Ciò che però emerge al momento in riferimento al fondo Elliott è che la volontà della famiglia Singer sia quella di tenere a tempo indeterminato il Milan rendendo un “fiore all’occhiello” del proprio corollario di investimenti. Una vera e propria assicurazione per il futuro per tutti i tifosi rossoneri che temevano un nuovo e immediato ribaltone societario.