Cutrone, Il Milan punterà su di lui: ritiro decisivo

Cutrone André Silva
© foto Twitter @Mediaset

Cutrone seconda punta insieme a Piatek, tutto è possibile, cambia invece la situazione per Silva, corteggiato anche in Francia

Cutrone non è in vendita o forse non lo è mai stato. Secondo quanto riportato da Gazzetta dello sport, la società rossonera avrebbe deciso di trattenere il giocatore, metterlo a disposizione di Giampaolo e lasciare dunque che sia il tecnico a decidere il da farsi, dopo il ritiro. Giampaolo quasi sicuramente giocherà con le due punte, una è Piatek senza ombra di dubbio, l’altra potrebbe essere Cutrone appunto, oppure Andrè Silva, una staffetta già vista nella stagione 2017/18, prima con Montella e poi con Gattuso.

TORINO E SASSUOLO ALLA FINESTRA- Dovranno attendere l’esito del ritiro, Torino e Sassuolo, per sapere che ne sarà di Cutrone, ovvero conoscere le reali possibilità di trasferimento immediato. Dopo l’iniziale volontà di cederlo per farlo crescere altrove, Giampaolo, come sopra riportato,  avrebbe deciso di dargli fiducia sin dal ritiro in partenza il 9 Luglio. Cutrone avrà quindi la possibilità di mettersi in mostra e ritagliarsi più spazio nel possibile modulo a due punte del nuovo tecnico. Il prezzo rimane comunque fissato a 25 milioni di euro.

SITUAZIONE SILVA- Per un Cutrone che rimane c’è un Andrè Silva ancora in bilico, tentato dalla Premier e dal suo agente Mendes. Giampaolo lo apprezza e lo valuterà in ritiro, ma, secondo La Gazzetta dello Sport, è in leggerissima discesa l’indice di gradimento sul portoghese: se dovesse infatti arrivare buone offerte, il Milan sarebbe disposto ad ascoltarle. Secondo quanto riportato da  footmercato.net, il Monaco vorrebbe Andrè Silva in prestito secco. L’attaccante portoghese di proprietà del Milan sarebbe dunque una priorità del club monegasco, ma solo a questa condizione. I rossoneri, invece, vorrebbero vendere il giocatore a titolo definitivo, pur consapevoli che al momento non sarebbe possibile rientrare dei 38 milioni di euro spesi due anni fa dalla Gestione Fassone-Mirabelli.