Serie A, la Lazio crolla e la Roma risorge: cosa cambia per Milan ed Inter

© foto www.imagephotoagency.it

Milan ed Inter obbligate a vincere, la spinta psicologica sarà quindi determinante per andare a prendere 3 punti che equivalgono a linfa vitale.

Un obbligo insito a prescindere dai risultati di ieri sera, risultati che comunque vanno presi in considerazione per svariati aspetti di classifica. La Lazio crolla al termine di una partita limitante dal punto di vista atletico, la Roma invece fa la prepotente in casa del Napoli segnando addirittura 4 goal ad una squadra che ne aveva subiti 15 in 26 partite, vale a dire molte di queste chiuse a zero. Quattro goal al San Paolo sono tanti e questo calo di concentrazione potrebbe costare caro alla squadra di Sarri che ora rischia il sorpasso da parte della Juventus che in caso di vittoria con l’Atalanta andrebbe addirittura a più 2. Diciamo anche, sbilanciandoci un po’ che al 90 per cento sarà così, ovvero con la Juve che mercoledì 14 Marzo batterà l’Atalanta per riprendersi quel primo posto che manca ormai dalla passata stagione.  Un brutto colpo per Sarri che altro non potrà fare se non sperare che l’Atalanta quanto meno provi a bloccare sul pareggio i bianconeri. A quel punto Allegri sarebbe primo comunque per via della vittoria nello scontro diretto dell’andata. Tornando a Milan ed Inter la classifica dice: Inter (quinta in classifica) 51 punti, Milan 44. Se l’Inter dovesse vincere, la Roma scenderebbe al quarto posto con 53 punti, più 9 sui rossoneri. In caso di vittoria del Milan, la Lazio rimarrebbe quarta come adesso ma a più 5 sui rossoneri. In caso di pareggio, Inter e Lazio si ritroverebbero a 52 punti. La gara di andata finì 0-0, al momento conterebbe la differenza reti in favore dei biancocelesti.

TURNO 27: Spal-Bologna 1-0; Lazio-Juventus 0-1; Napoli-Roma 2-4; Genoa-Cagliari; Torino-Crotone; Udinese-Fiorentina; Benevento-Verona; Atalanta-Sampdoria; Chievo-Sassuolo; Milan-Inter

CLASSIFICA PROVVISORIA: Napoli 69; Juventus 68; Roma 53; Lazio 52; Inter 51; Sampdoria 44; Milan 44; Atalanta 38; Torino 36; Fiorentina 35; Udinese 33; Bologna 33; Genoa 30; Cagliari 25; Chievo 25; Sassuolo 23; Spal 23; Crotone 21; Verona 19; Benevento 10

Articolo precedente
Milan-Inter, da Romagnoli una richiesta particolare ai tifosi rossoneri
Prossimo articolo
BobanGattuso, grande Milan? Ci pensa Boban a riportare tutti con i piedi per terra