Manchester City: «Fuori dalle coppe per il FFP? Uefa in malafede»

© foto www.imagephotoagency.it

Il Manchester City risponde alle voci di una estromissione dalle coppe per il Fair Play Finanziario attaccando l’organo di controllo Uefa

Le ultime notizie sul Manchester City interessano indirettamente anche il Milan, anche se la situazione finanziaria dei due club e la posizione davanti all’Uefa sono nettamente diverse. I Citizen hanno risposto un comunicato ufficiale pubblicato sul loro sito all’inchiesta del New York Times in cui si afferma che potrebbero essere esclusi dalle coppe europee per violazione del Fair Play Finanziario. Il City attacca direttamente la camera investigativa dell’Uefa, lo stesso organo chiamato a decidere sulla situazione del Milan, affermando di avervi erroneamente riposto la propria fiducia. Di seguito il comunicato integrale:

«Il Manchester City FC collabora pienamente e in buona fede con le indagini in corso del Club Financial Control Body (CFCB) Investigatory Chamber (IC) della Uefa. Nel fare ciò, il club dipende dall’indipendenza e dall’impegno dell’IC per un giusto processo, ma anche sull’impegno promesso della UEFA il 7 marzo che garantiva che “… non avrebbe fatto ulteriori commenti sulla questione mentre è in corso l’inchiesta. Il reportage del New York Times che cita “persone che hanno familiarità con il caso” è quindi estremamente preoccupante. Le implicazioni sono che la buona fede del Manchester City nel CFCB IC è probabilmente malriposta o che il processo del CFCB IC è stato mal-rappresentato da individui i cui intenti sono volti a danneggiare la reputazione del club e dei suoi interessi commerciali. O entrambi.I resoconti pubblici del Manchester City sono esaurienti e completi e costituiscono una questione legale e normativa. L’accusa di irregolarità finanziarie è completamente falsa e una prova esauriente di questo fatto è stata fornita al CFCB IC»