Lo strano caso di Higuain: Elliott non si espone nel difendere il suo gioiello

Higuain
© foto www.imagephotoagency.it

Higuain è in crisi e per i media lascerà presto il Milan. Curioso come Elliott non difenda in prima persona il suo acquisto più importante

E’ un fatto che Gonzalo Higuain sta vivendo il momento più complicato nella sua breve esperienza al Milan. L’argentino non segna da oltre un mese, soffre ancora del fastidio alla schiena che lo ha colpito nella trasferta di Udine e nelle ultime partite viene servito poco e male dai compagni, cosa che aumenta il suo stato di inquietudine e delusione. Nonostante tutto l’ex juventino resta il gioiello della passata campagna acquista del Milan. Higuain può e deve essere il bomber di cui i rossoneri hanno bisogno di troppo tempo, senza parlare poi dell’aspetto puramente economico. L’attaccante è arrivato in prestito oneroso da 18 milioni di euro con diritto di ricatto fissato a 36 milioni di euro. Inoltre, il giocatore percepisce 9,5 milioni di euro a stagione e ha il più alto ingaggio della squadra. Higuain è stato dunque un investimento importante per il fondo Elliott ma la proprietà non ha ancora messo la faccia nel difenderlo dagli attacchi dei media nonostante le tante voci sul suo addio già a gennaio e il presunto “mal di pancia”.

Tutte le grandi testate negli ultimi giorni hanno riportato la notizia di un possibile scambio tra Alvaro Morata ed Higuain. L’argentino avrebbe così la possibilità di riabbracciare il suo mentore Maurizio Sarri e ritrovare il sorriso. Lo stesso allenatore Gennaro Gattuso ha poi evitato di smentire in modo chiaro e convinto i rumors sul prossimo trasferimento dell’attaccante con un vago «finché sarà qui». Bisogna dire che Elliott è decisamente restio ad esporsi pubblicamente per quanto riguarda il calcio ma forse, almeno per quanto riguarda il caso di Higuain, sarebbe utile un suo intervento o almeno delegare il compito di smentire tali indiscrezioni alla dirigenza del club.

Articolo precedente
GattusoL’ultimatum del Milan per Gattuso: ha due partite per meritarsi la conferma
Prossimo articolo
jose mauri milanJosé Mauri: «Voglio giocarmi le mie chance al Milan»