Le vittorie non basteranno, serve anche chiarezza tattica e mercato concordato con l’allenatore

© foto Mg Torino 31/03/2018 - campionato di calcio serie A / Juventus-Milan / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: Gennaro Gattuso

Oltre alle vittorie va trovata anche la chiarezza tattica. L’arrivo di Paquetà comporterà delle scelte importanti

Primo obiettivo vincere contro la Spal. Non ci sono mezzi termini nel futuro immediato di Gennaro Gattuso e del Milan. Poi si dovrà trovare una soluzione alla mancanza di gioco, alla sterilità in fase offensiva e alla confusione tattica. Proprio la ricerca di un modulo più congeniale alle caratteristiche dei giocatori potrebbe aiutare il gruppo ad uscire dal momento di crisi. Contro il Frosinone il Milan ha cambiato modulo a partita in corso con conseguenze non proprio tra le migliori.

Gattuso non sa più che pesci prendere: la dimostrazione sta nel fatto che, dopo aver scelto il 4-4-2 con il doppio centravanti, l’allenatore sembra intenzionato a ritornare al 4-3-3. In questo modo si sopperirebbe anche al mancato arrivo di Zlatan Ibrahimovic e si doserebbero le forze in avanti. Poi va anche considerato il fattore Paquetà che aprirà nuovi scenari in casa Milan. Hakan Calhanoglu rischia il posto per il brasiliano, mentre Suso non sarà più sicuro del proprio ruolo da esterno destro. Insomma, saranno giorni concitati a Milanello perché Leonardo e Ringhio dovranno trovare una linea comune (in caso di conferma di Ringhio) sulle strategie di mercato. Così fanno le società serie.

Articolo precedente
Cutrone CalhanogluCalhanoglu, Leonardo cerca l’asta in Bundesliga
Prossimo articolo
PaquetaPaquetà, il Milan lo attende e Kakà lo esalta: sarà Gattuso ad allenarlo?