Higuain a nervi tesi e con le polveri bagnate

Higuain e Calabria
© foto www.imagephotoagency.it

Higuain è parso molto nervoso nelle partite con Inter e Betis in quanto è poco servito dai compagni. Serve una svolta tattica per i rossoneri

Gonzalo Higuain fino alla partita contro il Chievo aveva realizzato 6 gol in 9 partite tra campionato e coppa ma con il derby è iniziata l’involuzione del campione argentino. Il bomber rossonero ha chiuso il match contro l’Inter senza nemmeno un tiro in porta e con evidenti segni di nervosismo. Lo stesso atteggiamento si è visto anche ieri con il Betis Siviglia. Alla fine del primo tempo Higuain ha l’occasione del pareggio ma la spreca. A questo punto il numero uno si arrabbia moltissimo tanto da scatenare una piccola colluttazione con i difensori spagnoli. L’argentino vorrebbe dimostrare che la Juventus ha fatto male a lasciarlo andare e riportare il Milan ad essere competitivo in tutte le competizioni ma il nervosismo, totalmente giustificato, lo sta condizionando. Come sottolinea la Gazzetta dello Sport, Higuain nelle ultime uscite è stato servito poco e male dai compagni. Lo stesso allenatore Gennaro Gattuso ha confermato in conferenza stampa che la squadra non ha fatto tutto il possibile per metterlo in condizione di segnare. Dei 463 passaggi totalizzati dal Milan contro il Betis solo 19 erano diretti alla punta, che con l’Inter ha toccato appena 24 palloni.

Gattuso ha messo Higuain al centro del suo progetto tattico ma la verità è che l’argentino quando gli esterni d’attacco non sono al meglio diventa impalpabile. Il tecnico vuole che giochi vicino alla porta ma le difficoltà dei rossoneri nel servigli i palloni giusti lo spingono a cercarli a centrocampo. Non solo, quando i suoi movimenti non vengono premiati dai compagni, l’ex bianconero si innervosisce e peggiore ulteriormente le sue prestazioni. La svolta potrebbe arrivare domenica con la Sampdoria. Gattuso contro i blucerchiati ha intenzione di schierare un 4-4-2 con Patrick Cutrone, uno dei pochi a salvarsi contro gli spagnoli, accanto ad Higuain. Un compagno di reparto potrebbe essere utile a liberargli maggiori spazi.

Articolo precedente
ReinaReina: «Il ritorno con il Betis Siviglia? Impariamo dalla sconfitta di San Siro»
Prossimo articolo
Shevchenko Maldini FigoDAZN, un super Clasico per gli abbonati: in esclusiva anche le parole di Figo