Coppa Italia, eroico Strakosha che ora sfida il Milan

strakosha
© foto www.imagephotoagency.it

Coppa Italia d’argento fino a questo momento per la Lazio che ora si appresta ad affrontare un Milan dorato e decisamente in rampa di lancio

Coppa Italia ancora favorevole alla Lazio, Thomas Strakosha, una gara praticamente perfetta (va riconosciuto) quella giocata contro l’Inter, quella che di fatto elimina la possibilità di un doppio Derby alla città di Milano. Il portiere della Lazio, dopo aver parato i rigori di Martinez e Nainggolan ma non quello di Icardi per un soffio ( e per uno scavetto che se avesse intuito sarebbe costato il rinnovo all’argentino) ha parlato nella mixed zone di San Siro dopo 125 minuti di gara più rigori: «Ce l’abbiamo messa tutta, meritiamo la semifinale. Siamo molto felici. La parata più difficile? Quella su Politano».

UNA VITTORIA CHE FA MORALE- «Crediamo sempre in noi stessi, lo dimostriamo in ogni gara. Domenica è arrivata una sconfitta immeritata, però abbiamo dimostrato di essere una grande squadra vincendo in coppa. Pensiamo di poter fare bene in ogni competizione, ci crediamo davvero».

SENZA JUVE E NAPOLI, LAZIO FAVORITA?- «Noi ci sentiamo favoriti sempre, diamo sempre il massimo. L’anno scorso non siamo arrivati in finale, ma in Coppa Italia abbiamo dimostrato di essere forti».

ORA LA RIVINCITA IN SEMIFINALE PROPRIO CONTRO IL MILAN- «Speriamo che questa volta possa andar bene».

COMPLICATO IL RITORNO A MILANO-  «Certo, ma abbiamo dimostrato di non aver paura».

INZAGHI TIFOSO ED ESPULSO- «Ai ragazzi avevo chiesto una partita di personalità e l’hanno fatta. Se non avessimo trovato questo Handanovic avremmo vinto prima. La qualificazione è meritata». Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi è esploso in tribuna dopo il rigore decisivo di Lucas Leiva che ha regalato la semifinale di Coppa Italia e dopo essere stato espulso per proteste: «E’ un ottimo traguardo, poi avremo il Milan. Ma ora pensiamo al campionato. Ho fatto i complimenti a tutti».

Articolo precedente
PiatekPiatek, panchina? No, grazie! A Roma dal primo minuto
Prossimo articolo
BakayokoBakayoko: «Felice che i tifosi mi apprezzino. Con Piatek siamo più forti»