Caldara, rientro? Slitta la data per motivi precauzionali

Caldara
© foto www.imagephotoagency.it

Caldara come un nuovo acquisto di Gennaio, il difensore centrale è pronto al rientro ma ci vorrà ancora un po’ di tempo

Caldara è quasi pronto, arrivano buone notizie da Milanello in merito alle condizioni del difensore centrale ex Juve, nella giornata di ieri è tornato ad allenarsi in gruppo, approfittando del lavoro esclusivamente atletico programmato da Gattuso. Per le partitelle e i contrasti è ancora presto, ma la strada per il ritorno in campo è quella giusta: come riportato da Gazzetta dello Sport, il giovane difensore rossonero punta a tornare a disposizione per il match del 2 marzo a San Siro contro il Sassuolo. Dunque finalmente la buona notizia che da tempo si attendeva dentro e fuori dal campo, Mattia Caldara ma anche Cristian Zapata vicinissimi al rientro. Il classe 94, considerato di fatto un “nuovo acquisto di gennaio”, non avendo mai esordito in campionato con la maglia del Milan, avrebbe dovuto fare rientro per l’ultima settimana di febbraio contro l’Empoli ma come sopra riportato dovrebbe essere la prima di Marzo a concedere gli onori al centrale di difesa, mai utilizzato fino ad ora tranne che per la gara di Europa League con il Dudelange. Per Gattuso ovviamente non sarà facile valutarne il graduale reinserimento nella formazione titolare considerando l’ottimo andamento del pacchetto arretrato milanista capace di ergersi a miglior difesa del 2019 in Europa potendo però contare su due soli centrali: Romagnoli e Musacchio.

Tuttavia intorno a Caldara continuano a ruotare grandi aspettative, il difensore è arrivato in estate attraverso la formula dello scambio alla pari con la Juventus per Leonardo Bonucci, e prima dell’infortunio poteva godere anche di un alta considerazione nel giro della Nazionale. Un grande affare per il Milan, un buco per la Juventus. Questo si arrivava a dire il giorno delle visite mediche, era il 2 Agosto 2018 e alla clinica la Madonnina di Milano, prima di lui si era presentato Gonzalo Higuain, con tanto di tifosi al seguito già innamorati e ben presto traditi da una un amore mai sbocciato veramente.