Biraghi, parla l’agente: «Gattuso stravede per lui, ma niente Milan a breve il rinnovo»

© foto www.imagephotoagency.it

Il procuratore di Biraghi ammette i contatti con il Milan ma sottolinea che le trattative per il rinnovo con la Fiorentina sono a buon punto

Il centrocampista della Fiorentina Cristiano Biraghi è stato uno dei principali protagonisti della vittoria dell’Italia sulla Polonia in Nations League grazie alla rete nei minuti finali che ha bloccato il risultato sull’1 a 0 in favore degli azzurri. In estate il giocatore è stato in diverse occasioni accostato al Milan e la conferma è arrivata direttamente dal suo agente, Mario Giuffredi. Il procuratore ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport in cui ha parlato del futuro del suo assistito chiudendo la porta, almeno per ora, ad un trasferimento in rossonero. «Corvino me lo chiese il 15 agosto 2017 e fu una trattativa lampo. Comunicai al giocatore che l’aveva preso il Cagliari così da fargli una sorpresa dicendogli successivamente che in realtà si trattava della Fiorentina: una volta rivelatoglielo, per poco non perse i sensi! – ha raccontato Giuffida – Inter? Ausilio non l’ha bocciato, semplicemente non era pronto. Gli mancava quella personalità affinata con Pioli».

Il procuratore ha poi sottolineato di aver avuto stretti contatti con l’allenatore Gennaro Gattuso, che segue con particolare interesse l’evoluzione del giocatore. «Lui è tifoso nerazzurro e da quelle parti lo stimano molto. Altri due allenatori che stravedono per Cristiano, sono Gattuso e De Zerbi. Io con loro mi sono confrontato spesso, il Milan ci aveva pensato nella precedente gestione, ma ora pensiamo alla Fiorentina con cui tra l’altro siamo vicini al rinnovo. Per me, Biraghi è il nuovo Grosso: può crescere ancora molto», ha detto Giuffrida. Lo stesso Biraghi ad inizio stagione aveva ammesso di aver rifiutato le lusinghe del Milan perché convinto dal progetto tecnico proposto dall’allenatore Stefano Pioli.

Articolo precedente
Verso Inter-Milan: Spalletti perde Vecino, infortunatosi con l’Uruguay
Prossimo articolo
musacchioMilan, la certezza che non ti aspetti: Musacchio perno della difesa