Tra fatturato e Champions League: quanto vale l’accordo Milan-Puma

Puma Milan
© foto www.imagephotoagency.it

Quanto vale l’accordo Milan-Puma? A questa domanda non c’è una risposta dal Milan ma circolano le prime indiscrezioni in merito alla partnership ufficializzata quest’oggi

La notizia era nell’aria da mesi ma solo oggi è arrivata l’ufficialità. Il Milan ha firmato un accordo pluriennale con Puma che, dall’estate 2018, subentrerà ad Adidas come Official Partner, Global Technical Supplier e Official Licensing Partner. Nel comunicato ufficiale riproposto dal club rossonero non c’è nessuna traccia di cifre e/o durata del contratto – definito in maniera generica ‘pluriennale’ – sottoscritto con il brand tedesco. Secondo quanto riportato dai colleghi di Calcio e Finanza, però, si tratterebbe di un accordo di cinque anni (con possibilità di ulteriori prolungamenti) legato a vari bonus ma che, se centrati, porterebbero al raggiungimento di una cifra superiore rispetto a quella fornita da Adidas negli ultimi anni. Come in ogni ambito economico-sportivo, gli introiti di un club, tra sponsor e pubblicità varie, sono correlati in maniera direttamente proporzionale ai risultati sul campo e, per il Milan, ciò equivarrebbe ad un approdo sistematico in Champions League.

La partnership tra Milan e Puma dovrebbe pertanto rappresentare il secondo accordo per grandezza in Serie A, inferiore solo a quello tra Adidas e Juventus. In più è bene ricordare che, nel novero delle 20 squadre di Serie A, Puma sponsorizzerà solamente i rossoneri. E, soprattutto nel caso in cui il Milan centrasse gli obiettivi stagionali – difficile ma, calendario alla mano, non così impossibile -, tale esclusività potrebbe non essere un mero dettaglio. Tra l’altro Puma, sponsor anche della Nazionale italiana, ha chiuso il 2017 con cifre da capogiro, veri e propri record per l’azienda. Una crescita delle vendite pari al 15,9%, sfondando il muro dei 4 miliardi (4,136 per essere precisi). Aggiunti ad un risultato sorprendente nell’utile, più che raddoppiato a 136 milioni rispetto ai 62 del 2016.

Articolo precedente
Alessandro Lupi Milan PrimaveraMilan, il girone alla Viareggio Cup: Lupi sulle orme di Inzaghi
Prossimo articolo
Milan-Inter il 3 o 4 marzo? Sala si disinteressa