Connettiti con noi

News

Sveglia Milan, ora bisogna investire sul centrocampo

Pubblicato

su

Non c’è dubbio che il centrocampo del Milan sia stato il simbolo della rinascita con Stefano Pioli. Ora servono rinforzi

Non c’è dubbio che il centrocampo del Milan sia stato il simbolo della rinascita con Stefano Pioli. Ma adagiarsi sugli allori o sulle presunte certezze potrebbe portare a spiacevoli conseguenze. Il fulcro della metà campo rossonera, Frank Kessie, è un giocatore in scadenza di contratto che nel giro di sei mesi farà Olimpiadi, Coppa d’Africa e tre competizioni con il Milan.

Un vice dell’ivoriano è mancato da settembre a gennaio, solo successivamente è arrivato Meité. Ora permane un buco, ma Kessie non può sobbarcarsi altre 50 partite stagionali anche nel 2021/2022. Non dimentichiamo, inoltre, che anche Bennacer sarà impegnato nella Coppa D’Africa in inverno, creando altri problemi a Stefano Pioli.

Poi c’è un’altra lacuna sulla trequarti, là dove un titolare come Calhanoglu è andato all’Inter. Non basterà assicurarsi Brahim Diaz (in rosa anche nella scorsa stagione), servirà portare a Milanello un numero 10 che possa essere titolare.

Inoltre, sperando comunque in una crescita di Tonali, occorre un altro innesto duttile che possa eventualmente inserirsi in caso di cessione di Krunic. Insomma, Pioli necessita del rinnovo di Kessie e di un altro paio di arrivi per affrontare al meglio una stagione con tre competizioni.