Suso ormai verso la permanenza, solo Correa può cambiare tutto

Suso
© foto www.imagephotoagency.it

Suso è ormai diventato un giocatore su cui Giampaolo vuole investire. La trattativa per Angel Correa potrebbe cambiare però le carte in tavola

Suso sembra rigenerato dalla nuova posizione in campo e dalla fiducia di Marco Giampaolo. Troppo presto per cantare vittoria (lo spagnolo è molto discontinuo nel rendimento), ma le buone prove in questo precampionato lasciano ben sperare per la stagione. I rossoneri voglio trattenere lo spagnolo a meno di offerte clamorose. La Roma, che si è rifatta avanti nelle ultime ore, non ha presentato un proposta soddisfacente. Tutto la scia pensare che il numero 8 possa rimanere al Milan, a meno di possibili sviluppi nella trattativa tra i rossoneri e l’Atletico Madrid per Angel Correa.

Giovanni Galli, intervistato da La Gazzetta dello Sport, ha fatto il punto sulla situazione di Suso: «Suso è uno specialista che in mezzo deve adattarsi, Correa è un altro specialista e dietro le punte è nel suo ruolo naturale. Suso vede la fascia, Correa gioca dentro il campo. Suso ha grande qualità ma per come gioca ti condiziona. Vanno poi capiti i possibili costi: cedere Suso, comprare Correa e restare con altri soldi in tasca va bene. Se fai pari è un’idea, ma rimetterci no. Suso oggi vale 40 milioni, Giampaolo pensa di poterlo portare a ad una valutazione da 70».

Al momento la trattativa per Correa non si è ancora sbloccata. L’Atletico chiede troppo, i rossoneri hanno già speso tanto con gli ultimi arrivi di Duarte e Leao. In questo senso, qualora il Milan volesse investire sull’argentino dei colchoneros, diventerebbe fondamentale una cessione e Suso sarebbe il primo indiziato. I due giocatori difficilmente potrebbero coesistere e si pesterebbero i piedi in campo. Al momento, tuttavia, la dirigenza milanista sembra voler assecondare il parere positivo di Giampaolo sul giocatore. Del resto, fin dai primi giorni il mister ha spiegato come le sfide con i giocatori di qualità rappresentino n grande stimolo nel suo lavoro al Milan.