Supercoppa, Castillejo non convince ma Paqueta si: possibile cambio di modulo?

Paqueta
© foto www.imagephotoagency.it

La gara contro la Sampdoria suggeriscono a Gattuso un cambio di modulo per la sfida di Supercoppa contro la Juventus: ecco quale

La sfida di ieri sera contro la Sampdoria sembra aver immesso nuove convinzioni a Gennaro Gattuso che per la sfida di giovedì contro la Juventus a Jeddah valevole la Supercoppa Italiana potrebbe clamorosamente mischiare le carte. L’assenza di Suso, squalificato e infortunato, impone al tecnico calabrese di dover trovare un nuovo perno alla propria manovra che potrebbe essere proprio il nuovo arrivato Lucas Paqueta, apparso in buona condizione e già titolare di gran personalità. La gara del brasiliano tuttavia si può tranquillamente dividere in due tronconi: una prima parte, avulsa, nel ruolo di mezzala e una seconda ben più incisiva una volta spostato sulla trequarti alle spalle di Higuain. Proprio il Pipita, il cui destino sembra avvicinarlo al Chelsea, potrebbe trovare maggiori sbocchi di gioco se imbeccato da Paqueta posizionato alle proprie spalle.

La gara contro la Sampdoria di ieri sera ha, prima ancora che messo in luce le qualità da trequartista di Paqueta, acceso i riflettori sullo straordinario stato di forma di Patrick Cutrone. Il centravanti rossonero ha realizzato due reti in poco più di 20 minuti dal suo ingresso in campo giocando al fianco di Higuain. Un’arma a cui Gattuso non può rinunciare in vista della finale di Supercoppa italiana. Ma come fare a schierare tutti contemporaneamente in campo? Cambiando modulo. L’assenza di Suso e l’inconsistenza di Castillejo non impongono a Gattuso di dover obbligatoriamente schierare le ali e pertanto potrebbe spingere ad un passaggio dell’assetto tattico dal 4-3-3 al 4-3-1-2 con Bakayoko posto a mediano di contenimento e Calhanoglu e Kessie mezzali. Sulla trequarti, come detto, spazio all’estro “acerbo” di Paqueta e in attacco Higuain e Cutrone si divideranno l’area di rigore. Una scelta forse azzardata per una gara secca come quella di giovedì ma che potrebbe permettere a Gattuso di avere una valida alternativa di gioco al proprio ormai prevedibile 4-3-3. Nel caso in cui il tecnico calabrese decidesse di approcciarsi come maggiore moderazione alla sfida di Supercoppa un altro assetto possibile potrebbe essere il 4-2-3-1 con Calhanoglu-Paqueta e Castillejo in appoggio all’unica punta Higuain/Cutrone.

Articolo precedente
Ronaldo HiguainFinale Supercoppa italiana 2019: Juventus-Milan, le probabili formazioni
Prossimo articolo
Antonio CassanoCassano l’interista: «Higuain al Milan è l’unico decente, venga all’Inter»