Stadio, Milan ed Inter chiedono deroga: opzione Sesto sempre più viva

© foto Instagram

Stadio nuovo, si torna a parlare di Sesto San Giovanni come possibile soluzione in caso di mancato accordo con il comune di Milano

Stadio nuovo, tra una settimana circa, le cifre diranno se è possibile arrivare a una mediazione tra Inter, Milan ed il Comune di Milano. Le due società sono alle prese con i calcoli relativi ai maggiori costi legati al riutilizzo di San Siro come distretto dello sport a disposizione dei cittadini, illustrato martedì a Palazzo Marino, secondo quanto riportato da Tuttosport.

VOLUMETRIE IN PRIMIS – L’incremento delle spese dovrà essere compensato da una flessibilità delle volumetrie rispetto all’attuale limite del Piano di Governo del Territorio comunale, fissato a 0.35, la metà di quanto chiesto dai club secondo la Legge Stadi. Fattore determinante: tutte le aree più moderne costruite a Milano negli ultimi anni, da Porta Nuova a City Life, hanno indici volumetrici superiori. Inter e Milan ritengono che il nuovo polo di San Siro debba rientrare in questa categoria di investimenti utili a tutta la città, oppure si andrà a Sesto.

SESTO SAN GIOVANNI – Dunque in mancanza di una deroga relativa alle volumetrie, la decisione potrebbe essere presa in base alla convenienza economica con l’opzione “area ex Falck” a Sesto San Giovanni, soluzione meno complicata dal punto di vista burocratico, essendo un’area privata.

ATTENZIONE- Chiaramente non ci sono solo vantaggi: in quella zona urge la necessità di una bonifica consistente, alla luce della precedente destinazione dell’area, ovvero la storica acciaieria ed un possibile rendimento inferiore delle attività a margine, essendo la zona più ricca di centri commerciali rispetto a San Siro. Milanosesto, società controllata da Prelios e proprietaria dei terreni “ex Falck”, avrebbe già dato la sua disponibilità. Collocazione: parte occidentale dell’enorme distesa post-industriale, quella più vicina alla stazione di Sesto e agli svincoli dell’autostrada,sempre strategicamente più comodi.