Sconcerti ci risiamo: «Gazidis che faccia ha? Elliott resta uno sconosciuto»

Mario Sconcerti
© foto www.imagephotoagency.it

Mario Sconcerti attacca duramente la nuova proprietà del Milan rappresentata da Elliott, e vorrebbe maggiore interazione da parte di Gazidis

Il noto ed esperto giornalista italiano Mario Sconcerti attacca duramente la nuova proprietà del Milan ai microfoni di RMC Sport partendo però da una considerazione relativa al prossimo incontro con la Juventus che varrà la conquista della Supercoppa italiana: «Per il Milan la Supercoppa è importante, è quasi decisiva per la stagione. Significherebbe alzare un trofeo e aver battuto la Juventus. I problemi del Milan sono risolvibili ma complessi. La costruzione di una squadra parte dagli azionisti, non dai tesserati come Leonardo e Maldini, che sono degli operatori. Non possiamo confondere Zhang con Marotta per esempio».

SCONCERTI ATTACCA ELLIOTT – «Chi conta davvero nel Milan è Elliott e bisogna capire tante cose. Quanto è costato il Milan? Quanto vale questa società? Come è possibile solo 300 milioni? Gazidis poi non ha detto una parola, non si sa che faccia abbia. La società è sconosciuta. Il Milan non si sa dove è, viene trattato solo come un fenomeno finanziario. Non mi piace questo modo di gestire un club, senza neanche dire buongiorno». L’opinionista non è nuovo ad avanzare diversi dubbi riguardo alla nuova proprietà rossonera come ribadito negli scorsi mesi dopo il passaggio di proprietà da Yonghong Li al fondo americano.