Il retroscena! Galliani era ad un passo da un grande campione…

galliani
© foto www.imagephotoagency.it

Le clamorose rivelazioni di Thomas Helveg. Un grande campione era già in visita a Milanello, poi però saltò tutto

Attualmente è uno dei migliori trequartisti d’Europa, probabilmente inferiore solo a Isco. Il Milan, qualche anno fa era pronto a tesserarlo ma poi saltò tutto. Si tratta di Christian Eriksen, talento attualmente in forza al Tottenham di Mauricio Pochettino. Il giocatore è ormai considerato un campione di livello internazionale che ha dimostrato il proprio valore sia in Premier League che in Champions League.

LA RIVELAZIONE – Il classe ’92 si affermò come uno dei migliori giovani d’Europa nell’Ajax. Il club olandese, come accade spesso, fu molto lungimirante nello scommmetere sulle qualità del danese. Thomas Helveg, connazionale di Eriksen con un passato nel Milan e nell’Inter, ha rivelato a TMW il retroscena della trattativa: «Fu un passo dai rossoneri prima di andare all’Ajax. Visitò addirittura Milanello, poi l’affare sfumò». Il gioiellino degli Spurs, dopo aver vinto 4 campionati olandesi, in Premier ha messo a segno ben 42 reti in 4 anni contribuendo alla rinascita del club di Londra.

RIMPIANTI AUBAMEYANG-ERIKSEN – Ragionare con i “se” e con i “ma” è sempre inutile. Però se il club rossonero negli ultimi anni avesse investito di più sui giovani in squadra oggi ci sarebbe qualche campione in più. I tifosi milanisti ancora si mangiano le mani quando vedono Aubameyang con la maglia del Borussia Dortmund.

Eriksen, inoltre, sempre continuando sulla scia dei sogni, è in grado di ricoprire sia il ruolo di mezzala (come ai tempi dell’Ajax) che di trequartista. Sarebbe stata sicuramente una vera manna dal cielo per Vincenzo Montella. E per Marco Fassone che ha dovuto investire quasi 25 milioni di euro per Hakan Calhanoglu e 70 milioni per l’accoppiata Kalinic-André Silva.

Articolo precedente
kessieEuropa League: Milan, due partite in casa per chiudere la pratica
Prossimo articolo
kessie montellaMilan-Rijeka, probabili formazioni: quanti rischi per Montella