Rassegna stampa del 28 febbraio 2018

Stampa Rassegna
© foto @Twitter

La rassegna stampa dei quotidiani sportivi nazionali del 28 febbraio 2018 di MilanNews24: ecco le prime pagine di Corriere dello Sport, Tuttosport e Gazzetta dello Sport

Sulla prima pagina di Tuttosport si parla della sfida di questa sera tra Lazio e Milan, match valido per il ritorno di Coppa Italia: «Milan, missione finale: c’è Kalinic. Coppa Italia, la Lazio ospita i rossoneri (20.45), si parte dallo 0-0 di San Siro». Nel pezzo si sottolinea come Gattuso voglia puntare sull’attaccante croato per far sì che riesca definitivamente a sbloccarsi. Per il resto, la formazione è confermata quasi fosse una filastrocca: Donnarumma, Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessié, Biglia, Bonaventura, Calhanoglu, Kalinic appunto e Suso. Intanto in serata Marco Fassone incontrerà il commissario della FIGC Fabbricini per chiarire una volta per tutte la situazione in casa rossonera.

La prima del Corriere dello Sport è analoga: «Juve, carica Max. Lazio-Milan show. Oggi due semifinali di Coppa Italia: bianconeri contro l’Atalanta. Allegri: ‘Voglio tutto, conta l’albo d’oro’. Inzaghi e Gattuso schierano i migliori». Nel pezzo si parla di come Gennaro Gattuso abbia deciso di affidarsi a Kalinic, lasciando a riposo Cutrone in vista del derby di domenica. In più si analizzano gli scontri diretti tra giocatori: Strakosha e Donnarumma hanno fatto un miracolo ciascuno all’andata, Bonucci vs Immobile è una sfida di peso mentre Lucas Biglia e Lucas Leiva si contendono la supremazia del centrocampo. Luis Alberto e Suso, invece, si giocano un posto al mondiale e Calhanoglu vs Milinkovic è qualità vs forza fisica.

corriere dello sport 28 feb 2018
Anche La Gazzetta dello Sport titola sulla Coppa Italia: «A Roma (Rai 1, ore 20.45) si riparte dallo 0-0. Sfida Immobile, c’è Romagnoli. Alla Lazio servono i gol di Ciro, il Milan insegue un altro trionfo all’Olimpico». Nel pezzo si parla anche del futuro di Gattuso e Mirabelli: l’a.d. non frena ma rispetta i limiti imposti dai risultati. Mirabelli vorrebbe invece accelerare i tempi, del resto, vale per lui come per tutti i suoi colleghi d.s., è marzo il mese in cui si gettano le basi di un progetto da costruire in estate. In mezzo c’è Gattuso che chiama diplomaticamente in causa la scaramanzia: «Per questo motivo oggi non firmerei nulla». Ma altre parole rilette dopo Roma-Milan offrono una terza interpretazione: «Il rinnovo?La priorità è il Milan perché qui sono a casa». La priorità, non l’unica pista percorribile: davanti a Rino si è aperta una strada straniera alternativa anche se il cuore di Gattuso è e resterà rossonero.

 

Articolo precedente
Ecco il vero obiettivo del Milan, lo rivela l’agente del calciatore
Prossimo articolo
GattusoMilan, marzo mese verità: il futuro di Gattuso e Mirabelli legato a doppio filo