Ci risiamo, PSG alla finestra per Donnarumma: la posizione del Milan

Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Il futuro di Gianluigi Donnarumma al Milan sarà al centro dei discorsi di mercato da qui alla prossima estate

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna di Tuttosport, il PSG resta alla finestra qualora si aprisse uno spiraglio d’addio o di screzio tra Gianluigi Donnarumma ed il Milan. La società francese, infatti, è alla ricerca di un portiere di sicuro affidamento che sappia sostituire Trapp ed Areola che, per motivi diversi, non danno garanzia allo sceicco né in vista dei prossimi impegni – a febbraio scontro diretto con il Real Madrid agli Ottavi di Champions League – né per il futuro.

OCCHIO A RAIOLA – Dietro come un’ombra a tale operazione ci sarebbe Mino Raiola, il quale, nelle recenti uscite pubbliche ma non solo, ha lasciato intendere che gradirebbe vedere il suo pupillo giocare sin da subito la Champions League, competizione alla quale il Milan si qualificherebbe quest’anno solo qualora la formazione di Gennaro Gattuso riuscisse ad alzare al cielo l’Europa League. Il Milan è fermo nella usa posizione, ossia non far partire nessuno dei pezzi pregiati della squadra a meno che sia proprio il giocatore a chiederne la cessione. In quel caso, il club rossonero metterebbe a segno un’importante plusvalenza ed il rinnovo contrattuale fatto solo un anno fa garantirebbe forza contrattuale predominante alla squadra.

ALTERNATIVE – Qualora il Milan dovesse privarsi di Donnarumma (possibilità solo in estate, no a gennaio), la prima alternativa si chiama Pepe Reina: secondo la società milanista, l’estremo difensore spagnolo rappresenta infatti la soluzione migliore per far sì che il Milan rimanga altamente competitivo nel reparto. Ci sono però altri profili che interessano (nelle ultime settimane sono stati accostati anche Perin, Marchetti e anche Leno) ma la sensazione, ad oggi, è che, voci di mercato a parte, il futuro di Gianluigi Donnarumma è e sarà ancora legato al Milan per molti anni.

Articolo precedente
contiConti, quella voglia di tornare in campo: meglio non affrettare i tempi
Prossimo articolo
Antonio ConteConte, è crisi con il Chelsea: a giugno possibile ritorno in Italia