Milan, un centrocampo imbarazzante: Montolivo è l’unica soluzione

Montolivo
© foto www.imagephotoagency.it

La deludente partita di ieri sera ha messo in luce il difetto principale di questo Milan: l’inefficacia del gioco. I rossoneri hanno bisogno di piedi e idee a centrocampo

Una gara brutta, bruttissima, forse la peggiore del Milan negli ultimi anni. L’avversario, il Bologna, era tutto meno che irresistibile e i rossoneri, che hanno mantenuto il possesso per quasi l’intera durata della partita, non sono riusciti neanche a fare il solletico alla retroguardia rossoblù. Un problema di carattere, certo, ma anche e soprattutto di idee: a questa squadra manca il gioco, le geometrie, una concezione di manovra architettata con logica.

IL DECLINO POST BIGLIA – I risultati infatti fino ad oggi, specialmente dopo la strage infortunati e il passaggio al 4-4-2, raccontano di un Milan mai padrone della battaglia e soprattutto senza identità. L’inesistente pericolosità offensiva però, a nostro modo di vedere, è solo una conseguenza di un problema che parte da un altro reparto: il centrocampo. In quelle zone il Diavolo infatti, da quando Biglia ha sciaguratamente abbandonato la nave, non ha più potuto godere di un giocatore con la sua rapidità di pensiero, velocità di esecuzione e sofisticatezza di geometrie. Per soccombere ai problemi Gattuso si è affidato al centrocampo tutto muscoli composto da Kessie e Bakayoko, che ha però portato ad un quasi totale azzeramento di una logica di gioco, rallentando considerevolmente la manovra rossonera e di conseguenza aumentando esponenzialmente la prevedibilità offensiva.

SERVE MONTOLIVO, SUBITO – Avevamo intuito la gravità della situazione già un mese fa, quando nel bel mezzo della crisi-infortuni di Milanello avevamo invitato il tecnico calabrese a rivalutare la candidatura di Montolivo. L’ex capitano rossonero infatti rappresenta ad oggi l’unico profilo nella rosa del Milan che possa riportare la squadra alla disciplina tattica, intervenendo provvidenzialmente negli ingranaggi del centrocampo del Diavolo: in questa maniera Gattuso potrebbe così ritornare ad apprezzare una squadra diversa, più fluida nella manovra, con molteplici alternative di gioco e quindi ritrovare l’ormai persa pericolosità offensiva. La questione è scottante e ci sentiamo di sollecitare Ringhio a valutare di inserire Montolivo già dalla prossima partita contro la Fiorentina, che vedrà tra l’altro Kessie e Bakayoko assenti per squalifica: un motivo in più per incominciare da questo weekend il reintegro di questo fondamentale giocatore.