Milan, tante assenze preoccupano Gattuso ma il Betis non è messo meglio

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Giornata di vigilia in casa Milan, tanti gli impegni odierni a partire dalla rifinitura per capire chi scenderà in campo contro il Betis

L’ultima vittoria in campionato è datata 30 Settembre contro il Leganes, 14 i punti in classifica ed una crisi nera che in patria preoccupa un po’ tutti. Il Betis di oggi è questo anche se non dobbiamo dimenticare la sconfitta inflitta ai rossoneri a San Siro due settimane fa. Sono cambiate molte cose dalla gara di andata di Europa League che vide gli spagnoli imporsi per 2-1, il Milan con tre vittorie nell’arco di una settimana si è ripreso morale e quarto posto, certo ora deve fare i conti con gli infortuni ma come ricordato da Romagnoli, non esiste una squadra B, solo un unico gruppo che rema nella stessa direzione. Il Betis dunque è messo male.

BETIS (3-5-1-1)Pau López; Mandi, Bartra, Sidnei; Barragán, Canales, William Carvalho, Lo Celso, Junior Firpo; Sergio León, Sanabria. A disposizione: Robles, Feddal, Kaptoum, Boudebouz, Inui, Tello, Loren Morón. Allenatore: Setién.

MILAN (4-3-3): Reina; Abate, Musacchio, Romagnoli, Laxalt; Bertolacci, Kessié, Bakayoko; Suso, Cutrone, CalhanogluA disposizione: G. Donnarumma, C. Zapata, R. Rodríguez, Higuain, Borini, Bonaventura. Allenatore: Gattuso.

IL PROGRAMMA DI OGGI- Probabile formazione rossonera vincolata alla rifinitura odierna: oggi, dalle ore 11, è prevista la seduta tecnico tattica in vista del match; Nella giornata di ieri Higuain non si è allenato, difficile vederlo in campo prima i domenica. A seguire pranzo di squadra presso il centro sportivo prima della partenza alla volta della Spagna, dove la squadra arriverà intorno alle 18:30. La giornata però non finisce qui: alle ore 19,30 Gattuso parlerà in conferenza stampa con un giocatore direttamente dallo stadio Stadio Benito Villamarin.

Articolo precedente
Carolina MoraceFigc, Gravina: «Calcio femminile? Lavoriamo per garantire il salto di qualità»
Prossimo articolo
CutroneCutrone: «Questo gruppo è unito, aspettiamo Higuain»