Milan, qualità a centrocampo: Paredes subito, poi Ramsey

Leandro Paredes
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan ha fissato come obiettivo principale la Champions e farà di tutto per raggiungerla. Leonardo sta già programmando i prossimi botti di mercato per perfezionare sempre di più la rosa

Il cambio di proprietà avvenuto in casa Milan a mercato inoltrato ha limitato e non poco il raggio e le possibilità di azione di Leonardo, insediatosi in via Aldo Rossi a poche settimane dalla fine della sessione estiva. Il dirigente brasiliano non ha mai smesso di progettare il futuro del Diavolo e per le prossime finestre di mercato la programmazione è già avanzata: aggiudicato Paquetà il club rossonero è pronto a sferrare altri colpi per gennaio.

RAMSEY COLPO POSTICIPATO – Un grande obiettivo di Leonardo, anche e soprattutto grazie all’aiuto del neo-amministrato delegato Ivan Gazidis è l’acquisto di Aaron Ramsey. Come riporta Tuttosport il centrocampista gallese è in scadenza di contratto con l’Arsenal e il Milan non vuole forzare ad anticipare l’affare, che perciò è destinato a concretizzarsi a parametro zero nel mese di giugno.

PAREDES A GENNAIO – Se Ramsey è una trattativa destinata ad andare in porto in estate, c’è invece un acquisto che il dirigente brasiliano ha intenzione di portare a termine immediatamente. Il profilo in questione è quello di Leandro Paredes, attualmente in forza allo Zenit San Pietroburgo. Il centrocampista ex Roma è un vecchio pallino di Leonardo, ma il club russo non abbassa le proprie pretese al di sotto dei 30 milioni. L’obiettivo del Milan è quello di ottenere una possibilità di pagamento dilazionato, esattamente come per Paquetà. Paredes inoltre considera la sua parentesi in Russia terminata e tornerebbe volentieri in Italia. I rossoneri stanno già lavorando quindi per abbattere la concorrenza e aggiudicarsi per primi il talento brasiliano.

 

Articolo precedente
mazzoleniSerie A, Arbitri 12ª giornata: Milan-Juventus a Mazzoleni
Prossimo articolo
Milan, senti Nocerino: «Ibra? Vado a prenderlo io, Gattuso un fenomeno»