Milan, offerta per Piatek: a gennaio Preziosi cede sempre

Piatek
© foto www.imagephotoagency.it

Offerta del Milan per Piatek per un totale di 50 milioni. Preziosi cederà? In realtà l’ha sempre fatto

Il destino di Gonzalo Higuain sembra ormai sempre più lontano dal Milan. Il centravanti argentino ha preso la propria decisione: vuole il Chelsea e la dirigenza rossonera non vuole tenere un giocatore scontento. Come ormai noto dalla cessione del Pipita il Milan non guadagnerà nulla ma avrà risparmiato circa 15 milioni tra prestito oneroso e metà stipendio, una cifra utile ai fini del Fair Play finanziario ma del tutto inutile per tentare l’assalto ad un altro centravanti. Facendo due conti però Leonardo, Maldini e Gazidis hanno stabilito la formula utile per poter sostituire il centravanti argentino: il prestito oneroso con riscatto. Attraverso questa tipologia di offerta infatti i rossoneri avrebbero la possibilità di dilazionare il pagamento partendo con un immediato cospicuo ma non onerosissimo investimento, 15 milioni appunto, per poi stabilire un riscatto intorno ai 35-40 milioni derivante da un’entrata prevista per la prossima estate: i 39 milioni che il Siviglia spenderà per far proprio il cartellino di André Silva.

E’ proprio questa l’offerta che la dirigenza del Diavolo starebbe per proporre al Genoa in cambio del cartellino di Piatek. L’attuale vice-capocannoniere della Serie A ha mosso lo sguardo di diversi estimatori in Europa ma un’offerta complessiva da circa 50 milioni di euro potrebbe spuntarla rispetto alla concorrenza inserendo, stando ad alcune fonti, pure il cartellino di Diego Laxalt prelevato proprio dal Genoa l’estate scorsa. La volontà di Preziosi, al momento, è quella di non cedere il proprio centravanti a gennaio ma al giusto prezzo, come la storiografia delle passate sessioni invernali del grifone testimoniano, tutti possono partire. Non è infatti la prima volta che la formazione Ligure rivoluzionerebbe il proprio attacco a gennaio: è successo nel 2018 con Pellegri, nel 2017 con Pavoletti, nel 2016 con Iago Falque, nel 2015 con Pinilla e nel 2014 con Ciro Immobile. Una cessione eccellente in ogni sessione di calciomercato invernale per Enrico Preziosi che dunque diventa di colpo interlocutore assolutamente attendibile per imbastire un’operazione importante come quella per Piatek a gennaio.