Milan: il piano per lo stadio è quello di condividerlo con l’Inter

Scaroni
© foto www.imagephotoagency.it

Il Presidente Scaroni vorrebbe firmare un’intesa con l’Inter per lo sviluppo di San Siro ma non è tramontata l’ipotesi dello stadio di proprietà

Nelle ultime ore si è tornato a parlare della questione stadio in relazione al Milan. Durante la fase di passaggio di proprietà tra Berlusconi e Yonghong Li l’allora amministratore delegato, Barbara Berlusconi, era stata la prima a presentare un piano per la costruzione di un impianto di proprietà ma alla fine non si trovò l’accordo con il Comune di Milano. Nei mesi successivi Marco Fassone aveva ribadito che lo stadio rimaneva un punto centrale del businnes plan della nuova gestione cinese ma ancora una volta tutto si è risolto in nulla di fatto. Ora che è il fondo Elliott a dirigere il club di via Aldo Rossi la possibilità che il Milan realizzerà uno stadio tutto suo è diventata meno concreta ma non è comunque da escludere. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, il presidente Paolo Scaroni ha avrebbe intenzione di continuare a condividere San Siro con l’Inter e avrebbe già incontrato il Sindaco Giuseppe Sala in diverse occasioni per discutere la questione. Il numero uno rossonero avrebbe intenzione di firmare al più presto un memorandum of undestanding con il club di proprietà di Suning per pianificare lo sviluppo di San Siro ma resta comunque in piedi l’idea di costruire un nuova casa per il Milan.

Il quotidiano afferma che Elliott avrebbe addirittura l’intenzione di chiedere all’Inter di partecipare al progetto per ridurre i costi ma si tratta di una strada difficilmente percorribile in quanto i nerazzurri hanno più volte ribadito di voler puntare ancora sul Meazza. La conferma del fatto che il Milan non ha effettivamente scartato l’idea di uno stadio di proprietà arriva dal fatto che il futuro amministratore delegato Ivan Gazidis ha già visitato l’Italia per studiare la Serie A e le giuste strategie per aumentare i ricavi. Non solo, l’ex Arsenal porterà con sé un direttore commerciale e un capo progetto stadio. Il nuovo impianto in ogni caso non sarà pronto prima dell stagione 2023-2024.

Articolo precedente
Giampaolo avverte il Milan: «Ho già vinto a San Siro»
Prossimo articolo
Reina: «Il ritorno con il Betis Siviglia? Impariamo dalla sconfitta di San Siro»