Connettiti con noi

Editoriali

Milan femminile: espugnata Verona ma serve più cinismo sotto porta

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Milan femminile: le rossonere con Dowie espugnano Verona. Agganciata la Juventus al comando per una notte ma contro la Florentia servirà…

Il Milan femminile batte l’Hellas Verona allo stadio Olivieri, sotto un sole invernale con qualche grado sopra lo zero. Le rossonere conquistano una vittoria fondamentale per tenere a distanza il Sassuolo e per agganciare almeno per una notte la capolista Juventus di Rita Guarino, impegnata domani sul campo dell’Inter di Attilio Sorbi.

Decide il match Natasha Dowie, tornata al gol dopo ben tre mesi (ultima volta presso il Centro Sportivo Vismara contro Baresi e compagne, 4-1 e doppietta, il 18 ottobre 2020). Riscattata in parte l’eliminazione dalla Supercoppa italiana per mano della Fiorentina di Cincotta.

IL MATCH

Primo tempo buono, ricco di fluidità e buone giocate. Brava Tucceri a pescare Dowie in area e brava l’inglese ad angolare l’incornata per trasformare l’azione in gol. Ripresa che rivedi i fantasmi di Chiavari: squadra lunga e poco cinica. Divorate almeno quattro potenziali occasioni per chiudere la sfida. Errori in fase di appoggio e di copertura, che per poco rischiavano di essere pagati caro.

COSA SERVE

In poche parole serve più cinismo sotto porta, serve quella cattiveria che lo stesso allenatore aveva quando militava come giocatore tra le file di Inter e Milan. Settimana prossima, infatti, il Milan femminile sarà ospite della Florentia San Gimignano. Per chi non la conoscesse: le rossonere non hanno mai vinto in terra toscana (1-1 nel 2018/2019, sconfitta 2-1 lo scorso anno). La Champions e perché no, il sogno scudetto, passa proprio da lì.