Milan, Evrà provoca i rossoneri nella materia sbagliata

© foto www.imagephotoagency.it

Alla vigilia del match di Champions League della la Juventus scoppia una piccola bufera sui social. I protagonisti? Evrà, il Milan e Bonucci

I social network, si sa, regalano sempre sorprese e soprattutto scatenano spesso e volentieri innumerevoli discussioni. Al centro della bufera che stiamo per raccontarvi c’è, guarda caso, Leonardo Bonucci. Il difensore bianconero però questa volta non ha responsabilità.

IL POST DI DYBALA – Chi invece è stato ad appiccare l’incendio è stato Patrice Evra, ex juventino attualmente svincolato. Come nasce il tutto? Semplice, un normale post su Instagram di Dybala, in vista dell’importante match di Champions di domani contro il Valencia: «Ready for #ucl 💪🏼». Fin qui nulla di strano. L’immagine però non ritraeva solo il giovane talento argentino. Al suo fianco infatti spicca un sorridente Leonardo Bonucci, e già qui le attenzioni dei tifosi rossoneri sono completamente catturate.

LA PROVOCAZIONE DI EVRA’ – A trasformare le attenzioni in insulti ci ha poi pensato Evrà, che si è lasciato andare in uno spiacevole e sconveniente commento: «Adesso il sorriso è tornato Leo, perché prima con il c… la giocava la Champions là!!». Il riferimento all’anno trascorso da Bonucci al Milan è fin troppo evidente.

La risposta dei tifosi rossoneri non si è fatta attendere e i toni hanno avuto le giuste, eccessive proporzioni. Le risposte più quotate sono state «Evrà pensa a spazzarla», in riferimento al sanguinoso pallone perso dal francese, che è costato l’eliminazione alla Juve contro il Bayern e ovviamente quelle relative alla semifinale di Champions del 2007, quando con la maglia del Manchester guardò i rossoneri qualificarsi all’ultimo scontro della competizione. Non ci risulta infatti che le parole provengano da un professionista vincente, con voce in capitolo in materia. Evrà infatti ha perso ben quattro finali di Champions e forse la scelta del destinatario del commento non è stata particolarmente ponderata. Di certo abbiamo capito da cosa derivi la simpatia del francese per la Juve e per Bonucci e il loro punto in comune: le finali perse.

 

Articolo precedente
Gattuso Milan TVMilan, Gattuso: «Non moriamo mai, giovedì gioca Higuain»
Prossimo articolo
Borini Milinkovic-SavicLazio-Milan, i flop e i top della partita