Milan, Biglia fuori dai giochi: ecco Sensi per gennaio

© foto www.imagephotoagency.it

L’infortunio dell’argentino obbliga i rossoneri ad intervenire immediatamente sul mercato: il nome più caldo ora è quello di Sensi

Il Milan e la Champions, un legame da ricomporre al più presto. Quest’anno i rossoneri sembrano avere tutti i prerequisiti e le motivazioni giuste per raggiungere questo obiettivo, ma su Milanello si è abbattuta un’incredibile tempesta di sfortuna. Gattuso infatti, giorno dopo giorno, sta perdendo i più importanti protagonisti del suo Diavolo. La perdita più grave è senza dubbio quella di Biglia, fulcro e baricentro degli equilibri rossoneri. L’argentino sarà costretto a star fuori per almeno 4 mesi dopo l’operazione chirurgica al polpaccio destro. A gennaio quindi sarà d’obbligo tornare sul mercato e trovare immediatamente un sostituto.

SENSI PRIMO DELLA LISTA – Il primo nome sul taccuino di Leonardo, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, sarebbe quello di Stefano Sensi del Sassuolo. Il mediano neroverde gode di un’estrema duttilità tattica, che gli permette di ricoprire più ruoli nel centrocampo: può infatti giocare sia da regista che da mezzala. Inutile dire quanto tali caratteristiche lo renderebbero parecchio utile alla causa rossonera, soprattutto per sostituire Biglia.

GIOVANE TALENTO – Il classe 95′ si sta mettendo in mostra e in poco con il Sassuolo, tanto da aver meritato la convocazione in Nazionale. Il giocatore è da tempo nei radar del club di via Aldo Rossi e Leonardo non ha mai nascosto il forte interesse verso il giovane talento. I rapporti con il club di Squinzi inoltre sono ottimi e potrebbero facilitare un esito positivo della trattativa già nel mese di gennaio. Come se non bastasse proprio ieri il suo compagno di squadra, nonché vecchia conoscenza rossonera, Kevin-Prince Boateng lo ha definito l’erede di Verratti e pronto per giocare in una grande squadra. Staremo a vedere quindi se verranno affidate proprio a lui le chiavi del centrocampo rossonero.

Articolo precedente
Arrigo SacchiSacchi sul match di domani: «Milan in condizioni precarie, ma può succedere tutto»
Prossimo articolo
GattusoMilan, poteva andare peggio: formazione titolare pronta per uno scontro equo