Ludogorets, Cutrone dal primo minuto? Silva potrebbe non accettare

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Poco più di 48 ore al fischio d’inizio della gara di andata dei sedicesimi di Europa League, Gattuso è alle prese con le solite scelte relative all’attacco, Cutrone ora in pole

Cutrone potrebbe prendersi anche l’Europa, il giovane talento rossonero prende sempre più la strada dei titolari, questa volta ai “danni” di Andrè Silva dato che l’Europa League, almeno nella prima parte, ha sempre visto protagonista il Portoghese con 8 reti. Gattuso però è costretto a guardare in faccia la realtà attuale e come riporta Gazzetta dello sport di questa mattina potrebbe decidere di continuare in questo modo, ovvero ripartire dall’ottima gara di Ferrara, con l’intento di replicare. Ripartire da Ferrara vuol dire Cutrone dal primo minuto, con Silva pronto a subentrare a fine partita. Ovviamente parliamo di possibilità, le certezze arriveranno a ridosso della gara, quando mancherà poco al fischio d’inizio. Cutrone a breve, oltre che al posto da titolare potrà festeggiare anche l’adeguamento contrattuale del quale si parla da tempo. Il contratto del ragazzo scade nel 2021, la società è pronta a rinnovare per la terza volta e ovviamente senza alcun problema dato l’ottimo rapporto tra le parti. E in tema di rapporti potrebbe complicarsi quello con Andrè Silva se veramente Cutrone dovesse prendere il suo posto. Al momento c’è serenità tra i ragazzi ma una reazione del portoghese in caso di esclusione potrebbe eventualmente verificarsi. Silva si ritroverebbe così scalzato dal campo internazionale, quello che fino ad ora gli ha dato di più.

Cosa che invece non dovrebbe verificarsi con Kalinic, più grande di età e dunque più esperto e più avvezzo a situazioni simili di spogliatoio. Kalinic inoltre ha sempre dimostrato una grande pazienza e una grande dignità nei momenti peggiori, ovvero quelli dei fischi di San Siro dopo l’ennesima gara senza goal. Da questo punto di vista l’equilibrio psicologico che mette in relazione i tre ragazzi è buono ma da un momento all’altro potrebbe sempre succedere qualcosa.

Intanto la squadra si allena come sotto riportato, testa all’obbiettivo, vale a dire una bella vittoria in terra bulgara per poi gestire la gara di ritorno con maggiore tranquillità. Il Ludogorets non deve rappresentare un problema ma sono un passaggio obbligato alle prossime gare eliminatorie.

Articolo precedente
Hector HerreraHerrera, il Milan fa sul serio: domani uno scout per seguirlo da vicino-VIDEO
Prossimo articolo
AubameyangAubameyang da l’ultima stoccata a Mirabelli: «Ha dormito»