Connettiti con noi

HANNO DETTO

Lippi: «Quando l’Italia partecipa è solo per vincere. Decisivi? Ne vedo due»

Pubblicato

su

Lippi

Lippi ha parlato a Gazzetta dello sport in occasione del debutto europeo di questa sera contro la Turchia, gara in programma alle 21

Lippi ha parlato a Gazzetta dello sport in occasione del debutto europeo di questa sera contro la Turchia, gara in programma alle 21. Le sue parole.

DOVE PUÒ ARRIVARE- «Mi pare che ci siano grande convinzione, autostima e qualità per raggiungere un gran bel risultato e non farsi
mancare niente. C’è l’ambizione di andare in alto, ci sono basi solide. È diverso dal 2006, noi avevamo giocato altre partite prima del
Mondiale, ma la realtà, lo dico e lo ripeto, è un’altra: l’Italia è una delle 4-5 squadre mondiali che, quando partecipa a un grande torneo,
lo fa sempre soltanto per vincere, non per fare bella figura. Se poi avrà la fortuna che tutti i suoi giocatori siano al top, che la condizione sia
ideale, allora niente sarà precluso».

GIOCATORE DECISIVO- «Di giocatori decisivi ne vedo due. Uno è sicuramente Barella, l’ho già detto, mi piace quello che fa, come
gioca, come lotta. È un centrocampista dalla dimensione internazionale perché fa tutto quello che fanno i grandi del suo ruolo: attacca, difende, fa pressing, accompagna l’azione, tira da fuori, accelera, insomma è il prototipo del grande centrocampista internazionale. L’altro è
Immobile: ho tanta fiducia in lui, e credo che sia arrivato il momento di riscuotere a livello internazionale tutto quanto ha seminato in questi anni».

SU MANCINI- «Mancini ha fatto davvero tanto. Ha dato grandissima convinzione alla squadra, propositività, un gioco offensivo, fiducia nei giovani. Questa Nazionale sa di essere forte e, soprattutto, sa come si vince».

Advertisement