Juventus, altri due goal subiti e sconfitta pesante. Bene o male per il Milan?

Massimiliano Allegri
© foto www.imagephotoagency.it

Domenica si gioca Milan-Juventus, i bianconeri arriveranno a Milano feriti dalla sconfitta di Champions, attenzione alla reazione

Cercava qualcosa da scalciare, Massiliano Allegri, quando furioso per il goal del pari subito su calcio di punizione non si dava pace per tutte le occasioni mancate dai suoi. La sintesi della gara tra Juventus e Manchester United potrebbe essere proprio questa, ovvero la Juve che fa la partita ma che va a segno una volta sola con Ronaldo e poi la Juve che spreca e non riesce a chiudere, forse per un fatto di supponenza nei confronti dell’avversario. La squadra di Allegri dunque si porta in vantaggio come detto con il portoghese, sembra fatta per via di una mole di gioco enorme prodotta fino al minuto 86, quando Pogbà va giù al limite dell’area di Rigore e Mata trasforma con un calcio di punizione talmente morbido da trascinare Szczesny sotto la sufficienza, per quanto riguarda la valutazione finale. Il 2-1 è una carambola sulle teste di Bonucci ed Alex Sandro, teste che nei prossimi giorni il tecnico livornese “laverà” accuratamente per evitare che Higuain (in caso di presenza) e Cutrone vadano a minare, domenica sera, anche la certezza campionato. Certezza che fino ad ora ha portato la squadra bianconera a subire 8 goal in 11 partite (nessuno ne parla), un dato che  inizia a farsi sentire anche in Champions e chissà mai che ad Agnelli non venga il dubbio che Bonucci non sia lo stesso di un anno fa, quando da centrale, allora in forza al Milan toglieva il sonno prima a Vincenzo Montella e poi a Gattuso. Del resto si sa, la Champions è dura non si vince ad Agosto, in quel periodo ci sono i sorteggi, poi si giocano le partite, l’unico modo per vincere veramente. Ad ogni modo i campioni d’Italia conservano il primo posto nel gruppo H con 9 punti, seguiti dallo United con 7, Valencia 5, Young Boys 1.

BENE O MALE PER MILAN? Affrontare una Juventus ferita da una sconfitta così pesante non è mai facile, il Milan potrebbe trovare di fronte una squadra carica a mille oppure molto nervosa ed instabile soprattutto per quanto riguarda il reparto arretrato. Come sopra riportato, Bonucci e compagni quest’anno non garantiscono più la sicurezza degli altri anni, il Milan dovrà puntare su questo, anche perchè un goal i rossoneri lo segnano sempre e ad oggi a questa Juve si può fare goal, a meno che la sconfitta con lo United non sia servita a tornare sulla terra e a convincersi che i trofei si vincono a Maggio.

Articolo precedente
Caso Conti, ecco cosa avrebbe detto l’arbitro ai giocatori rossoneri
Prossimo articolo
Shevchenko, già pronto per Milan-Juve: gli auguri del campione tra i ricordi più belli