Il Milan sfida le big della Serie A per Pellegrini

© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan guarda con interesse a Pellegrini della Roma. Il giocatore è legato al club giallorosso da una clausola rescissoria valida solo per luglio da 30 milioni di euro

Il Milan è alla ricerca di un centrocampista e il primo nome sulla lista nonostante le tante difficoltà dal punto di vista economico resta Cesc Fabregas. Lo spagnolo è però molto vicino a trasferirsi al Monaco grazie alla mediazione del tecnico Thierry Henry, che ha giocato con lui all’Arsenal. I rossoneri stanno valutando altre alternative e tra queste nelle ultime ore è spuntata anche la pista che porta a Lorenzo Pellegrini della Roma. Il centrocampista è legato al club giallorosso da una clausola rescissoria da 30 milioni di euro valida solo a luglio. Non solo, la cifra richiesta dal presidente James Pallotta può essere pagate anche in due anni. Pellegrini si è distinto in questa stagione non solo nel suo club (1 gol e 3 assist in 11 partite di campionato) ma anche in Nazionale e il costo del suo cartellino non sembra particolarmente elevato considerando il suo valore. Un affare di questo tipo, secondo quanto riporta l’edizione odierna di Repubblica, ha ovviamente attirato l’attenzione del Milan ma di altri grandi club come Inter e Juventus.

Pellegrini potrebbe quindi lasciare la Roma in estate ma i club capitolino dal canto suo non vorrebbe cederlo e farà il possibile per convincerlo a rinnovare il proprio contratto. Inoltre, il giocatore appena settimana scorsa ha detto di voler diventare il prossimo capitano della Roma, smorzando di fatto qualsiasi tipo di voce sul suo addio. «Mi piacerebbe diventare, un giorno, il capitano della Roma per questo senso di appartenenza che provo insieme alla mia famiglia. Sarebbe un onore rappresentare Roma e tutti i suoi tifosi. – ha detto il centrocampista ai microfoni di DAZN – E’ chiaro che sarebbe una responsabilità enorme ma io non sono uno che si tira indietro, mi piace assumere delle responsabilità in più. Non mi stanco mai di dirlo che giocare qui per un ragazzo romano ti dà un senso di responsabilità ed orgoglio».