Guai per Raiola, il fisco vendica il Milan?

Raiola
© foto www.imagephotoagency.it

Mentre Mino Raiola spinge per una cessione di Gigio Donnarumma al PSG, il fisco ha aperto un’indagine sui conti dell’agente

Mentre continua il caso Donnarumma dopo l’accordo tra il Milan e il portiere del Napoli Pepe Reina, arrivano  dei clamorosi aggiornamenti su Mino Raiola. Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano il fisco olandese avrebbe iniziato degli accertamenti sul conto dell’agente del portiere rossonero. I controlli stanno cercando di verificare se il procuratore ha pagato tutte le tasse dovute.

RESIDENZA FISCALE – La prima questione riguarda la residenza fiscale di Raiola, cosa ancora da certificare: «Non sono cittadino olandese, ho la residenza a Monaco, dove vivo, e in Olanda non ho alcuna società» – ha detto l’agente al Fatto Quotidiano. Insomma, Mino dichiara di avere residenza a Montecarlo, paradiso fiscale che ospita i contocorrenti di diversi milionari. Semma i dubbi sono relativi al tipo di servizio offerto da Raiola: un lavoro disomogeno e piuttosto articolato anche in relazione alle diverse compravendite.

SOCIETÀ – Un’altra analisi del fisco olandese riguarda il raapporto tra il procuratore e la società Maguire Tax & Legal: «Non ho alcun legame con questa società. Sono soltanto un vecchio amico del suo proprietario – ha chiarito l’italo-olandese – È un rinomato studio tributario, tutto qui». Se lo dice Mino…

Articolo precedente
Icardi-Wanda-Pornhub, teniamoci stretto capitan Bonucci
Prossimo articolo
La clamorosa dichiarazione di Wenger su Welbeck