Reina al Milan, il retroscena: le prime visite un mese fa

Reina
© foto www.imagephotoagency.it

Pepe Reina al Milan è ormai un affare fatto: il portiere ha svolto le visite dopo lo 0-0 contro l’Inter ma emerge un retroscena da Repubblica

Non è ancora ufficiale ma l’approdo al Milan di Pepe Reina ha già fatto discutere. Non è piaciuta ai tifosi napoletani la tempistica delle visite mediche del portiere spagnolo, effettuate in gran silenzio – ma la notizia è trapelata lo stesso – all’indomani dello 0-0 di San Siro contro l’Inter che ha visto il Napoli scivolare a -1 (potenzialmente a -4) dalla Juventus, impegnata questa sera contro l’Atalanta nel recupero. L’edizione napoletana di Repubblica, però, racconta un retroscena che cambierebbe decisamente le carte in tavola, zittendo anche quelle critiche di scarsa professionalità piovute da ambienti partenopei nei confronti dell’iberico: «Il leader azzurro fu intercettato per caso nel suo giorno libero all’aeroporto di Bologna, dove si era recato per essere sottoposto ai test cardiologici propedeutici al suo trasferimento a Milano».

La situazione Reina è definita, sarà un giocatore del Milan e ha giovato sia ai rossoneri (per cautelarsi in caso di addio di Donnarumma) che al giocatore che resta in attesa della firma sul contratto importante, l’ultimo della sua carriera. Inoltre ciò che stanno facendo le parti in causa è perfettamente nella norma: ad un giocatore in scadenza a giugno, dal 1 febbraio è permesso firmare per qualsiasi squadra. E così farà Pepe Reina, rimasto a Napoli nonostante le sirene del PSG un’estate fa ma disilluso dal suo presidente.

Articolo precedente
Yonghong LiIl nuovo attacco di Repubblica al Milan
Prossimo articolo
Arsenal-Milan, la ricetta rossonera per credere nel passaggio del turno