Connettiti con noi

News

Giroud: «Sogno di vincere lo Scudetto. Derby? Emozione incredibile»

Pubblicato

su

Giroud: «Sogno di vincere lo Scudetto. Derby? Emozione incredibile». Le parole dell’attaccante del Milan a Europe 1

Olivier Giroud si racconta ai microfoni di Europe 1. Le dichiarazioni dell’attaccante del Milan.

INFANZIA – «Froges è il mio villaggio, è dove tutto è iniziato prima di andare a Grenoble. Ho tutti i miei amici e buona parte della mia famiglia che vivono ancora nella regione di Grenoble. Ho preso la mia prima licenza lì, ho frequentato tutti i miei corsi fino a quando avevo 12 anni. Ho un ricordo indelebile. Prendevo la palla dopo la scuola e andavo a colpire un muro. Ho lavorato sulla mia tecnica e il mio piede sinistro su questo muro e quando non era una palla, prendevo una palla da tennis e colpivo alla porta d’ingresso. Riesco ancora a sentire mio padre che mi dice ‘ma non sei stufo?’ Qui è dove tutto è iniziato, questa è casa mia.»

MONTPELLIER – «Mi sono rivelato al grande pubblico con la mia prima convocazione per la Francia. Dopo il titolo di capocannoniere con il Tour, ho avuto l’opportunità di attraversare la Manica, al Celtic Glasgow. Ma volevo lasciare un segno in Ligue 1. Ho ricevuto questa telefonata da Loulou (Louis Nicollin, presidente del Montpellier dal 1974 al 2017) che mi ha convinto a firmare per il Montpellier. Non mi pento affatto di aver fatto questi due grandissimi anni, soprattutto il secondo con il titolo di campione di Francia e capocannoniere.»

ARSENAL – «Arsène Wenger ha contattato il mio agente. Ho avuto l’opportunità di realizzare questo sogno d’infanzia di giocare in Premier League, ho accettato subito. Ci sono stati due club che mi hanno fatto sognare, il Liverpool e soprattutto l’Arsenal. Dopo Euro 2012 ho firmato il contratto prima di andare in vacanza. Ci ho passato cinque anni e mezzo straordinari. Sono migliorato molto, ho imparato e devo tanto ad Arsène. Fu un sogno firmare per l’Arsenal.»

CARRIERA – «Sono molto orgoglioso del mio percorso, del lavoro svolto finora. Quando mi fermerò, mi godrò appieno tutto. Me ne rendo conto, ma tutti i club in cui ho giocato fanno parte dell’élite europea. Qualcosa che non potevo immaginare da adolescente, non puoi immaginare di essere così fortunato. Ne sto godendo appieno. Quando faremo il punto, ci sarà anche la nazionale francese, un filo conduttore di cui sono immensamente orgoglioso. Non so ancora dove sarò con la mia famiglia, ma avrò dei ricordi molto belli. Mi sento benedetto, ho vinto tanti titoli. Uno dei miei sogni era la Premier League. È ancora qualcosa che avrei voluto vincere. Ora il mio altro sogno è diventare campione italiano con il Milan.»

CHELSEA – «Ci sono stato per tre anni e mezzo. Penso che ci sia più di uno che è rimasto sorpreso nel vedere che potevo riprendermi al Chelsea. Ho ricevuto questa chiamata tramite un amico di Antonio Conte, che aveva bisogno di un attaccante. Arsène Wenger ha ingaggiato Alexandre Lacazette nell’estate del 2017 all’Arsenal. Sei mesi dopo, voleva portare Pierre-Emerick Aubameyang. Ho avuto una discussione molto semplice e onesta con lui, chiedendogli di lasciarmi andare e FU un gentiluomo. Tutto è stato fatto in fretta a fine gennaio 2018.»

MILAN – «Mancano nove partite (intervista realizzata prima del match con il Cagliari) per realizzare qualcosa di importante per il Milan dopo alcuni anni senza trofei. Abbiamo il sostegno incondizionato dei tifosi che mi hanno accolto bene. C’è anche la semifinale di ritorno in Coppa Italia contro l’Inter. Il club non ha mai ottenuto questo doppio successo. La strada è ancora lunga, stiamo andando passo dopo passo, ma sarà in bilico fino alla fine.»

DERBY – «Mi ha dato molta energia e fiducia. Quel giorno eravamo sotto 1-0. Primo derby per me. In tre minuti ho fatto esplodere i nostri tifosi. È stata un’emozione incredibile che non dimenticherò mai. È una delle partite che contano in una carriera e mi ha fatto entrare nel cuore dei tifosi.»

FEDE – «Non lo nascondo. È un po’ il mio ruolo essere un ambasciatore, parlarne. Sono stato battezzato cattolico quando ero più giovane per essere il padrino del mio figlioccio, sono sempre andato al culto evangelistico con mia madre e voglio di rinnovare presto i miei voti battesimali nel Giordano. Vorrei andare in Terra Santa. Mi piace parlarne, la mia forza di carattere viene da questa fede che mi anima e che mi dà la forza di andare avanti. La parola della Bibbia porta a molta umiltà. Mi sento amato e fortunato ad essere in buona salute e a fare ciò che amo.»

IBRA – «È fantastico. È una persona con un carisma e una personalità straordinari. Ha questo modo di comunicare con i media che è il suo. Può sembrare molto duro, impressionante e talvolta intimidatorio. Ma è una persona normale come te e me che ha questo amore per il calcio e per gli standard di alto livello, lo trasmette ai giovani, occupa molto spazio, ha questo ruolo di fratello maggiore, proprio come me, con le nostre esperienze. È stata un’occasione per potermi affiancare ad uno dei giocatori che tifavo quando ero più giovane. Quando ho iniziato, era già nei grandi club. I miei amici mi hanno regalato una sua maglia quando era a Barcellona. È una persona con cui parlo molto. Ha molto rispetto quando un giocatore arriva in gruppo e ancora di più quando ha questa esperienza di alto livello. È un’occasione per competere con lui per riuscire a segnare gol e portare il meglio alla squadra. Era infortunato, quindi ho continuato. Non importa chi gioca, ciò che conta è essere decisivi. Dimostra che anche a 35 o 40 anni puoi continuare a giocare.»

NAZIONALE – «110 presenze e 46 gol. Ho battuto Platini, Papin e Trezeguet. È stata una benedizione, anni straordinari con alti e bassi. Quando sei fortunato ad essere stato campione del mondo nel 2018, puoi solo essere grato e dire grazie per la possibilità di rendere orgoglioso il tuo popolo. Indossando la maglia azzurra… non parlo della Francia al passato, perché sono ancora potenzialmente selezionabile. È un filo conduttore di tutta la mia carriera, rimane un bonus, ma l’obiettivo è vincere lo scudetto con il Milan. La Francia è un regalo, è un bonus. Non va bene rifiutare una convocazione. Se il mister mi chiama risponderò presente come ho sempre fatto, per questo non ho mai detto che mi sarei fermato con la Francia. Non è qualcosa che farò. È qualcosa che fa parte di una carriera, che a volte può essere difficile da gestire, ma sto andando molto bene! Con o senza di me, la Francia è la favorita. Per me, con i giocatori di questa selezione, è una delle favorite.»

GUERRA IN UCRAINA – «Prego regolarmente per questo, perché le cose migliorino e per mettere un po’ di amore nei cuori induriti. Dobbiamo sostenere il popolo ucraino, come ha fatto il Milan con questa maglietta con la scritta “Pace per l’Ucraina, pace per il mondo”. Ci sono molte cose che mi commuovono. Famiglie divise, in fuga dall’Ucraina. È così triste pensare che nel 2022 siamo in tempo di guerra. Spero che le cose migliorino. Quando vedo un giocatore come Yarmolenko (giocatore del West Ham) scoppiato in lacrime dopo aver segnato un gol, è molto commovente. Dobbiamo restare uniti e penso che sia fantastico che i paesi confinanti con l’Ucraina supportino le persone in fuga dall’Ucraina.»