Giampaolo, il problema non è il modulo ma l’interprete sulla trequarti

Giampaolo
© foto www.imagephotoagency.it

Giampaolo, Il cambio di modulo per aiutare Suso potrebbe danneggiare comunque il gioco, meglio provare Paquetà nel ruolo

C’è tanto lavoro da fare per Giampaolo, soprattutto in fase offensiva. Suso ieri ha giocato 68 minuti con la propria Nazionale nella vittoria per 4 a 0 contro le Isole Far Oer. Per la cronaca sono andati a segno Rodrigo e Paco Alcacer, entrambi con una doppietta. Il rossonero ha disputato una discreta partita e sembra essere integrato nel progetto tecnico della Roja. A differenza degli anni passati, quando le convocazioni era sporadiche, ora il giocatore riesce ad avere continuità in Nazionale. Tuttavia, va considerata la mediocrità dell’avversario nella gara di qualificazione: proprio per questo motivo il ct spagnolo ha evitato di schierare tutti i titolarissimi.

Forse è proprio questo il nocciolo della questione. Suso non è in grado di superare quanto fatto vedere fino ad adesso in carriera. Mentre un articolo odierno di Tuttosport sottolinea le difficoltà di Suso ad adattarsi, Marco Giampaolo predica calma e fa da parafulmine per il talento di Cadice. Secondo alcune indiscrezioni provenienti da Milanello però, l’allenatore non è soddisfatto dei progressi del giocatore e starebbe seriamente pensando ad un cambio di modulo. In quest’ultimo caso Giampaolo diventerebbe l’ennesimo tecnico, dopo i vari Montella e Gattuso, a dover gettare la spugna (invano) con un giocatore che non sembra possa fare il salto di qualità.

Forse sarebbe meglio mantenere il lavoro fatto da luglio in poi e cambiare gli interpreti. Visto il ritorno di Jack Bonaventura e il possibile inserimento di Krunic, Paquetà sarebbe libero di slittare in avanti proprio nella posizione di trequartista. Una soluzione che garantirebbe un po’ di concorrenza nel ruolo, attualmente in mano solo allo spagnolo che da anni a questa parte è sempre stato schierato titolare. Gli ultimi esperimenti a Milanello lasciano pensare anche ad un tentativo di inserire Bonaventura fra le linee di centrocampo e attacco, compito che il giocatore potrebbe riuscire a svolgere con intelligenza. Affidare il ruolo a Calhanoglu ad oggi sembra l’opzione meno probabile, soprattutto perché il turco ha dimostrato la stessa discontinuità di Suso nel rendimento durante la stagione.