Donnarumma, Raiola riapre il caso: Annullare il contratto

Donnarumma
© foto www.imagephotoagency.it

Sembrava risolto definitivamente il caso Donnarumma ed invece 5 mesi dopo, il suo agente riapre una trattativa mai chiusa definitivamente

Aveva rinnovato il suo contratto l’undici luglio scorso, fino al 30 giugno 2021, con un ingaggio da 5,5 milioni di euro netti a stagione, nonostante questo, il caso Donnarumma torna a far discutere, a meno di 3 settimane dall’apertura del mercato invernale. Lo riferisce l’edizione odierna del Corriere della Sera che spiega ed aggiunge inoltre qualcosa di clamoroso: tra le parti non ci sarebbe nessuna clausola rescissoria.

TUTTO DA RIFARE- Nelle ultime settime negli studi legali degli avvocati del Milan è tornato il gelo, non quello invernale ma quello estivo, vale a dire la stessa situazione dell’estate scorsa durante la quale Donnarumma sembrava destinato a lasciare il Milan. In queste settimane sarebbero arrivate diverse email da parte dell’avvocato Rigo, consulente di Mino Raiola, il procuratore di Donnarumma ora vorrebbe infatti l’annullamento del contratto firmato in estate appellandosi a una presunta violenza morale che il ragazzo avrebbe subito da parte dei vertici rossoneri. Al momento della firma del rinnovo, Raiola non sarebbe stato presente a Casa Milan, mentre l’avvocato Rigo per protesta avrebbe lasciato la stanza al momento delle firme. La situazione attuale è la medesima: Donnarumma dopo aver percepito tre mensilità, ha inviato un documento ai dirigenti del Milan in cui sostiene di essere stato oggetto di pressioni psicologiche, firmando senza la dovuta serenità.

CIFRE DA RECORD- Intanto si lavora per trovare una soluzione congrua, il Milan lavora con la consapevolezza che nonostante la “violenza” subita, Donnarumma sia passato da un ingaggio di 100 mila euro ad 11 milioni di euro lordi. Sul portiere attendono risvolti Real Madrid e soprattutto PSG, società in grado di pagare ingaggi raddoppiati rispetto a quello attuale come sopra riportato. Attenzione anche alla Juventus, la società non ha mai fatto mistero di essere interessata al portiere per il dopo Buffon.