Donnarumma, Antonio pronto a salutare il Milan: via da gennaio

© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Donnarumma è sulla strada dei saluti con il Milan, il fratello di Gigio si prepara a lasciare la squadra rossonera

Non poteva che finire in questo modo la storia tra Antonio Donnarumma ed il Milan, un anno e mezzo dopo quell’ingaggio che tanto fece indignare il popolo rossonero. Il fratello Gigio, titolarissimo invece, festeggerà a nemmeno vent’anni un traguardo decisamente storico: le cento partite di fila in Serie A senza saltare nemmeno un minuto. Antonio l’anno scorso fu determinante nell’esito positivo della trattativa tra Raiola e Mirabelli, una delle più concitate di sempre. Un ago della bilancia insomma “utilizzato” da Raiola per chiudere l’affare. Oltre ai 6 milioni netti per il prolungamento di Gigio, Mirabelli fu quasi costretto ad ingaggiare anche Antonio (proveniente dall’esperienza greca all’Asteras Tripolis) al quale concesse addirittura un milione di euro netto di ingaggio annuale.

Parliamo di un terzo portiere, dunque tanti soldi per un ragazzo che a conti fatti non ha quasi mai giocato se non in quello splendido quarto di finale di Coppa Italia con l’Inter, nel quale parò l’impossibile. Capolinea dunque, Antonio a gennaio dovrebbe chiedere la cessione, liberando i rossoneri, che lo hanno di fatto messo alla porta e non quella del campo di calcio. Obbiettivamente parlando, Antonio Donnarumma ad oggi non avrebbe alcuna possibilità di giocare: come secondo portiere questa estate è arrivato Pepe Reina,impiegato sempre in Europa. Poi ci sarebbe Alessandro Plizzari, uno dei giovani portieri più promettenti d’Italia, il quale reclama giustamente spazio per non finire in un pericoloso vicolo cieco già ad inizio carriera. La Coppa Italia? Possibile che non possa giocare nemmeno in questa competizione?

Articolo precedente
leonardo milan inter difficoltàCalciomercato Milan, Giovani? Un attaccante del Genoa nell’elenco di Leonardo
Prossimo articolo
IbrahimovicI Los Angeles Galaxy annunciano il nuovo GM: la priorità è trattenere Ibra