Connettiti con noi

News

Conferenza stampa Pioli: «Domani è uno scontro diretto Champions»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa Pioli: ecco le parole del tecnico rossonero alla vigilia della gara di domani tra Roma e Milan

Vigilia di Roma-Milan per Stefano Pioli. Ecco le parole del tecnico rossonero in conferenza stampa.

GUARDA LA CONFERENZA DI PIOLI – VIDEO

Pioli in conferenza

SULLA ROMA – «Sicuramente è una squadra che ha tante soluzioni offensive, è vero Dzeko era un punto di riferimento ma la Roma ha fatto ottimi risultati senza di lui. Stanno bene, tengono bene in campo. Noi dobbiamo contrapporci con lucidità».

SUL PERCORSO – «Possiamo cambiare posizioni in campo, abbiamo un modulo elastico. Ciò che ha detto Kjaer rispecchia tutte le convinzioni sul nostro percorso. È bene giocare con i più forti e stanno arrivando, arriviamo a questo momento bene. Superare il turno in Europa è stato difficile ma importante. I perdenti rimangono sulle sconfitte, i vincenti pensano alla prossima gara.»

SCONTRO DIRETTO CHAMPIONS – «La classifica dice questo. Quest’anno tutte le squadre forti sono lì. Loro sono indietro di 6 punti, è una gara importante ed uno scontro diretto quindi i punti valgono di più. Con domani cominciano delle settimane con grandi sfide, è il momento di spingere e di metterci alla prova»

MODO DI GIOCARE – «Faremo delle scelte tattiche precise. Aggressivi quando bisogna farlo, altrimenti aspetteremo. Noi abbiamo i nostri concetti ma anche rispetto per gli avversari. Cercheremo di esaltare le nostre qualità.»

DIFFICOLTÀ SUL SEGNARE – «Solo nella brutta prestazione a La Spezia non abbiamo avuto occasioni. Dobbiamo giocare di più nella metà campo avversaria, lo faremo anche domani. Più facciamo questo, meno possibilità abbiamo di subire e più di segnare.»

PRESTAZIONE DI DOMANI – «Deve andare pari passo con il risultato. Se fai risultato con la Roma vuol dire che hai fatto una prestazione positiva. Solo così possiamo superare un avversario così forte.»

CRITICHE – «È tutto normale. Siamo stato elogiati quando abbiamo fatto risultati eccezionali. Le ultime due gare non abbiamo fatto bene e siamo giustamente criticati. Le motivazioni ora le abbiamo perchè entriamo un momento decisivo, da marzo si decide campionato ed Europa League e noi arriviamo a questo momento da protagonisti. Le critiche ci devono spingere a dare qualcosina in più.»

TOMORI – «Sta facendo bene, ha delle belle caratteristiche e si è inserito bene. Titolare domani? Vedremo, a parte Mandzukic, Maldini e Bennacer tutti sono disponibili. Cercherò di fare le scelte migliori per i primi 11.»

CLASSIFICA – «Il Milan guarda prima la gara di domani, poi la classifica. Inutile guardare indietro o avanti, i conti si fanno alla fine. non ci siamo esaltati quando le cose andavano bene, non ci deprimiamo ora. La volontà e determinazione non mancheranno.»

ROMAGNOLI IN DIFFICOLTÁ – «Andare troppo sui singoli non mi piace. Stiamo cercando soluzioni, non colpevoli. Ci sta che un giocatore non possa essere al massimo della condizione. Ha giocato comunque tanto.»

CONDIZIONE FISICA IN CALO – «A livello tecnico e tattico non siamo stati all’altezza, a livello fisico no. Se a livello tattico fai male, si corre di più e peggio. Se ci dovesse mancare la condizione fisica ritroveremo il ritmo giocando. Adesso è a livello tattico e tecnico che sbagliamo.»

ULTIME SCONFITTE – «Arrivano perchè la differenza è sottile. Se diminuisci la prestazione, puoi andare incontro a delle sconfitte. Dobbiamo alzare il livello delle nostre prestazione per avere più possibilità di vincere le partite.»

IBRAHIMOVIC NERVOSO – «Avete parlato voi di altre cose non di campo. Lui pretende tanto da sè stesso e dagli altri, deve essere così e non è una novità. È concentrato su domani, come tutti.»

REBIC – «Sta bene, nelle ultime partite è stato meno preciso di come ci ha abituati. Gli devono arrivare occasioni poi tronerà ad essere determinante.»

CONTINUARE A CREDERE NEL MILAN – «In questi mesi abbiamo dimostrato di avere un’identità ben precisa e dei giocatori forti.»

POCO PRESSING – «Nella pressione dobbiamo essere più decisi e da quello nasce il recupero palla e la possibilità di stare alti. A livello di intensità possiamo fare meglio.»

 

SCARICA L’APP DI MILANNEWS24