Collovati: «Calhanoglu può essere l’uomo derby per il Milan»

© foto Db Firenze 06/09/2011 - qualificazione Euro 2012 / Italia-Slovenia / foto Daniele Buffa/Image Sport nella foto: Fulvio Collovati

Collovati in vista del derby sottolinea come il Milan debba risolvere ancora qualche problema in difesa ma anche che la squadra è più organizzata dell’Inter

Fulvio Collovati ha parlato del derby di stasera in una intervista a “Fuorigioco“, settimanale de La Gazzetta dello Sport. Secondo l’ex rossonero era da molto tempo che lo scarto tra le due squadre non è poi così netto e sebbene sottolinei che il Milan ha qualche difficoltà dal punto di vista difensivo ritiene che ci sia un giocatore che ancora non ha espresso tutto il suo potenziale e che potrebbe risultare decisivo per la squadra di Gennaro Gattuso. «Da anni non si arrivava ad un derby di Milano con squadre così gasate. Anche se giocare dopo la sosta non è il massimo. – ha detto Collovati – Più dei tempi di rientro dalle rispettive nazionali, il problema è la rottura del ritmo. Ma non so chi tra Inter e Milan potrà essere più penalizzata da questo aspetto. Sono molto forti ma diverse tra loro. Il Milan mi sembra più organizzato, con ruoli ben definiti. E di questo bisogna dare merito a Gattuso, uno che sembra sempre sotto esame ma che alla faccia dell’età ha dimostrato di saperci fare come tecnico, di puntare ad un calcio propositivo. Invece per qualcuno è ancora il Ringhio calciatore, tutto grinta e basta. De Vrij e Skriniar sono una garanzia, mentre dall’altra parte stiamo ancora aspettando Caldara. Al fianco di Romagnoli, Musacchio e Zapata stanno facendo benino, ma ogni tanto l’errore ci scappa».

«Chi sarà l’uomo derby? Tutti si aspettano che a decidere Inter-Milan siano i bomber argentini, Icardi e Higuain. I due sono in gran forma, ma immagino che verranno spesso raddoppiati e ingabbiati. Ecco perché se devo indicare l’uomo partita punto su Calhanoglu da una parte e Candreva dall’altra. Nell’attacco milanista il turco è l’unico che deve ancora raggiungere il livello che gli compete. Le marcature del Milan a centrocampo non mi convincono ancora. Come finisce? Dico 1-1 per essere bipartisan, ma ho in mente un altro finale».

Articolo precedente
milan interL’analisi tattica di Ganz per il derby: «Il Milan dovrà puntare sugli esterni»
Prossimo articolo
zapata milanInter-Milan: per i tifosi il gol più bello del derby è quello di Zapata