Calciomercato, per Dzeko il Milan proporrà uno scambio

© foto www.imagephotoagency.it

A fine campionato verrà intavolata una trattativa tra Milan e Roma. Mirabelli proporrà uno scambio più conguaglio ai giallorossi per Dzeko

Quando Massimiliano Mirabelli e Marco Fassone hanno chiesto quale centravanti volesse allenare la prossima stagione Gennaro Gattuso non ha avuto dubbi: Edin Dzeko. Così il direttore sportivo rossonero ha iniziato a sondare il terreno per individuare la chiave di volta della tratativa. Il bosniaco non ha un prezzo impossibile per due motivi: il primo è l’età, 32 anni compiuti che fanno abbassare notevolmente la valutazione rispetto ai 15 milioni complessivi spesi dalla Roma nell’estate del 2015. Il secondo fattore è la volontà del giocatore di cambiare aria dopo l’ennesima stagione senza trofei.

SCAMBIO – Il Milan potrebbe non avere un budget di mercato per acquistare un top player in attacco. Oppure potrebbe decidere di investire tutto sul centrocampista o sulla mezzala. Per questo motivo Mirabelli potrebbe usare la pedina Carlos Bacca per convincere i giallorossi a cedere il bomber ex Manchester City. Entrambi i giocatori sono classe ’86, entrambi hanno una valutazione intorno ai 15 milioni. La Roma potrebbe chiedere un conguaglio di qualche milione (circa 5-7 milioni) per chiudere la trattativa, cifra più che accesssibile per le casse milaniste.

GATTUSO – Con Cutrone e Dzeko in rosa Ringhio darà il consenso a cedere almeno uno tra Nikola Kalinic e André Silva. Il croato potrebbe andare a giocare in Cina, mentre il portoghese ha mercato in Premier e in Francia (Monaco). A quel punto, qualora la situazione societaria lo permettesse, il tesoretto potrebbe essere reinvestito tutto sul grande colpo ad effetto: in questo senso sarà bene seguire i movimenti di Mirabelli in Germania, con un occhio di riguardo alle situazioni di Marco Reus e Julian Weigl al Borussia Dortmund.

Articolo precedente
AncelottiCoppa Italia, parla Ancelotti: «La finale la vedrò indossando la maglia del Milan»
Prossimo articolo
CalhanogluDa Montella a Gattuso, Calhanoglu fa un bilancio