Branchini: «Inter favorita. Ibra? Boban aveva ragione»

Boban
© foto Zvonimir Boban, ex dirigente del Milan

Branchini, noto procuratore sportivo ha parlato della lotta scudetto e delle possibilità del Milan di restare in vetta fino in fondo

Giovanni Branchini, noto procuratore sportivo, ha parlato della lotta per lo Scudetto del campionato di Serie A 2020/21: «Voto Inter. L’organico è più che competitivo e Antonio Conte riuscirà, prima o poi, a dare alla squadra la sua anima».

SCUDETTO AL MILAN  – «Il Milan ha tutto per arrivare in fondo. Pioli ha trovato la formula giusta, ha un gioco lineare che mette in evidenza i progressi dei giovani, peraltro aiutati dalla serenità di un Meazza deserto, ma soprattutto ben accompagnati dai leader. Con Ibra, saranno competitivi sino alla fine».

CONTE E PIRLO – «Sull’Inter e sul ruolo di Conte mi sono già espresso. Per la Juve credo che Pirlo abbia la qualità per venire a capo di una situazione tutt’altro che semplice. La Juve è competitiva per antonomasia. Al nuovo allenatore è stato affidato un gruppo con caratteristiche particolari e gli va concesso tempo».

NAPOLI E ROMA – «Nella lotta per lo scudetto il Napoli viene subito dopo l’Inter: ecco perché la squadra di Gattuso non è tra gli outsider. In compenso ho grande stima per la Roma».

SU IBRA E LUKAKU – «Se L’Inter può vincere lo scudetto, anche Lukaku può trionfare nella classifica cannonieri. Raramente l’Inter vince senza i suoi gol e oltretutto batte bene i rigori. Ibra ultimamente sbaglia spesso dal dischetto, credo non ne batterà più. In ogni caso Boban ci aveva visto giusto a chiedere il ritorno dell’attaccante svedese».