Bologna-Milan, probabili formazioni: rossoneri obbligati a difendere quel settimo posto

© foto www.imagephotoagency.it

Bologna-Milan, sfida ostica per i rossoneri che ormai hanno pochissimi punti a disposizione per confermare un piazzamento europeo per la prossima stagione

Pochi, pochissimi cambi a disposizione per Gennaro Gattuso, domenica contro il Bologna molto probabilmente ce ne sarà uno solo, ovvero quello di Biglia uscito malconcio dalla gara di San Siro contro il Benevento. Al suo posto Montolivo. Gattuso punta tutto sull’esperienza piuttosto che sulla freschezza atletica di Locatelli, uno che il campo, con il cambio di gestione, l’ha visto pochissimo. Formazione tipo come detto, in porta Donnarumma, difesa a 4 con Calabria e Rodriguez sugli esterni, in mezzo Bonucci e Zapata, quest’ultimo in grande crescita nelle ultime uscite. Centrocampo a 3 con Bonaventura e Kessie sugli esterni, Montolivo alle spalle di Cutrone, Suso e Calhanoglu.

Più lunga la lista di indisponibili per Donadoni, il tecnico del Bologna dovrà rinunciare ad Helander, Donsah, Destro, Pulgar e Torosidis. Il Bologna che non ha più niente da chiedere al campionato scenderà in campo con un 3-5-2 molto offensivo. Mirante in porta, poi Gonzalez, Romagnoli e De Maio, a centrocampo Masina e Verdi saranno i due esterni. Poli, Crisetig e Dzemaili i centrocampisti centrali alle spalle di Palacio e Di Francesco.

Bologna tranquillo, come detto, la squadra emiliana in classifica vanta 39 punti, quanto basta per non rischiare nulla in zona retrocessione e per non dover rincorrere l’Europa a tutti costi. Bologna che non avrà nulla da perdere, al contrario il Milan dovrà per forza di cose uscire da quella pericolosissima settima posizione che al momento lo vede in Europa grazie alla possibilità di vincere la Coppa Italia, posto europeo garantito anche da un’eventuale vittoria della Juventus che lascerebbe il piazzamento continetale alla settima in classifica.

Articolo precedente
Milan, c’è un nome nuovo per l’attacco: uno che Montella conosce bene
Prossimo articolo
Serie A, prossimo turno decisivo anche per la coppa Italia: Juventus in bilico