Ballardini snobba il Milan: «Gattuso? Non lo conosco sia come uomo che come tecnico»

© foto www.imagephotoagency.it

Ballardini ha parlato in conferenza stampa illustrando quelle che sono le idee di gioco per affrontare il Milan di Gattuso. Tanta umità ma anche una certa voglia di condurre la gara in fase d’attacco

Il tecnico rossoblu carica l’ambiente in vista della gara di domani, Ballardini con grande umiltà prova a spiegare la chiave utile al Genoa per battere il Milan, pur mostrando un grandissimo rispetto per l’avversario. Consapevole del fatto che il Milan arriverà molto probabilmente provato dalla gara di Giovedì, Ballardini non esclude il fatto che il Milan possa avere scossa “furiosa” per non dover rinunciare definitivamente al sogno Champions. Ballardini ha parlato in conferenza stampa, poche parole ma chiare sulle reali intenzioni del Genoa: «Il Milan, insieme a Juventus e Napoli, dimostra chiaramente il proprio gioco. È una squadra motivata e il Genoa dovrà correre molto. Domani dovremo fare bene le due fasi di gioco. Pronti a difendere e attaccare con e senza palla. Sarà una partita molto intensa e lo spirito di squadra deve essere la nostra prerogativa. Il Milan ha tanti nazionali quindi in rosa ha solo campioni. Non c’è un solo calciatore da temere, ma tutti. Gli ex Bertolacci e Lapadula? Sono motivati, come gli altri compagni. La motivazione non deve mancare mai, è un discorso che vale sempre per tutti. Non conosco personalmente Gattuso. La persona, le sue idee e il suo metodo di lavoro non li conosco. Quindi non posso esprimere un giudizio».

Questa volta il dubbio di Gattuso sembra essere risolto da giorni, Kalinic favorito su Cutrone, nel tridente potrebbe esserci anche Borini dal primo minuto, qualora Gattuso voglia concedere riposo a Calhanoglu o Suso, in campo senza sosta da molte gare. Abate causa risentimento muscolare lascia il posto a Calabria sulla destra. Possibile chance per Montolivo in regia al posto di uno stanco BigliaBiglia. Antonelli e Musacchio convocati e disponibili.

GENOA (3-5-2): Perin; Biraschi, Spolli, Zukanovic; Rosi, L. Rigoni, Bertolacci, Hiljemark, Laxalt; Pandev, Galabinov. All. Ballardini

MILAN (4-3-3): G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessiè, Montolivo, Bonaventura; Suso, Kalinic, Calhanoglu. All.Gattuso

Articolo precedente
Frank TsadjoutPrimavera, Milan-Lazio 2-1: decidono le reti di Forte e Tsadjout
Prossimo articolo
Alessandro Lupi Milan PrimaveraLupi: «Contenti a metà, mi aspetto di più da Tsadjout»