Tifosi del Milan in aperta polemica con la Lega: «A Torino non si va»

Tifosi Milan
© foto Foto BD

Il gruppo dei tifosi del Milan Black Devil ha protestato per la decisione della Lega di rendere Juventus-Milan accessibile solo ai tifosi piemontesi

In seguito alla decisione della Lega italiana di disputare Juventus-Milan di Coppa Italia a porte aperte solo per i supporter residenti in Piemonte, alcuni tifosi del Milan rappresentati dal gruppo Black Devil ha voluto manifestare il proprio dissenso attraverso un comunicato ufficiale e uno striscione “A torino non si va!” posto di fianco alla sede della Lega Serie A a Milano.

Riceviamo e pubblichiamo: «Questo comunicato non lo avremmo mai voluto scrivere, ma la situazione creatasi è per noi inaccettabile. In un momento in cui l’Italia intera viene umiliata da gran parte del mondo, con divieti di accesso causa il virus Covid-19, ci troviamo all’interno del nostro paese con dinamiche simili, volgari, offensive e prive di ogni buon senso, VIETANDO alla popolazione lombarda, emiliana e veneta di accedere allo Stadium di Torino, per assistere alla partita di semifinale di coppa Italia Juventus-Milan in programma mercoledì 4 marzo.  Non importa dove trovi fertilità questa delibera, noi come tifosi del Milan e come cittadini italiani ci sentiamo in dovere di DENUNCIARE questa decisione, perché il silenzio sarebbe un ulteriore sconfitta per tutti noi. Silenzio con cui la nostra gloriosa società AC MILAN sembra convivere in assoluta serenità, incapace di un seppur minimo atto di “ribellione”, a difesa di un’intera popolazione che tra le altre cose la ospita in quel perimetro dichiarato INFETTO e la sostiene con migliaia di tifosi ogni domenica, in qualsiasi città italiana, europea e mondiale. A TORINO NON SI VA!!! BLACK DEVIL».