Stephen Ross, chi è l’imprenditore americano che vuole comprare il Milan

© foto www.imagephotoagency.it

Nonostante l’affidabilità dimostrata da Li nell’ultimo periodo, non smettono di circolare voci su un possibile cambio di proprietà. Ecco Ross, l’americano che vuole il Milan

Era notizia degli ultimi giorni il pagamento della seconda rata di 6,8 milioni da parte di Li per l’aumento di capitale. Questo versamento ha tranquillizzato e non poco i tifosi rossoneri, che hanno potuto finalmente percepire serietà e una manifestazione di intenti da parte del presidente del club di via Aldo Rossi nel voler prendersi cura pienamente delle sorti societarie. Ciò nonostante non cessano di diffondersi notizie su un suo eventuale addio e quindi su chi potrebbe, al suo posto, prendersi cura del Milan. L’ultimo nome che è spuntato fuori in queste ore è quello di Stephen Ross, imprenditore americano. Ma chi è Ross e soprattutto perché vuole comprarsi il Milan?

Come riportato da Repubblica, si tratta di uno dei maggiori imprenditori immobiliari statunitensi,  proprietario della squadra di football americano dei Miami Dolphins, con un patrimonio che si aggira intorno ai 12 miliardi di dollari. A gestire l’interesse e gli eventuali contatti tra Ross e il club rossonero c’è Charlie Stillitano, ideatore e organizzatore dell’International Champions Cup, competizione amichevole oltreoceano cui il Milan parteciperà quest’estate. Il 57enne americano è presidente della Relevent Sports, società che ha organizzato l’ICC, e che appartiene al gruppo RSE Ventures fondato da Ross. L’obiettivo di Stillitano, che in questi anni ha sempre combattuto per portare in America i top team europei, è quello di creare una Super Lega che superi per prestigio l’europea Champions League. L’interesse nei confronti del Milan sembra concreto, ma non dimentichiamoci che il club rossonero è ancora nelle mani cinesi, e se questi ultimi continueranno a dimostrare affidabilità e continuità di investimenti, non ci sarà alcun cambio di proprietà.

Articolo precedente
FassoneMilan, due cessioni importanti in ottica Uefa: un segnale necessario
Prossimo articolo
DonadoniDonadoni ha notato il momento negativo del Milan, al Dall’Ara vuole solo la vittoria